I terminalisti riconfermano la propria volontà di supportare il percorso di risanamento della Compagnia Unica guidato dall’Autorità di Sistema Portuale, attraverso l’elargizione di un contributo a copertura di alcune perdite di esercizio conseguite nel 2019, nell’autonomia gestionale della propria attività d’impresa.

“Il 2019 – scrivono in una nota – è stato un anno record di chiamate e di fatturato per la Culmv; tuttavia siamo consapevoli che, in questo momento di forte difficoltà, un contributo da parte delle nostre imprese consentirebbe alla Compagnia immediato accesso ai benefici legati agli strumenti di partecipazione finanziaria che l’Autorità di Sistema Portuale sta approntando per coprire alcune svalutazioni patrimoniali che Culmv ha registrato a seguito di un contenzioso giudiziario perso in Cassazione nei confronti dell’ex ministero della Marina Mercantile”.

In queste settimane, fanno sapere i terminalisti, sono intercorsi incessanti confronti nell’ambito di tavoli di lavoro presieduti e mediati dall’Autorità di Sistema Portuale. Unica condizione necessaria, per poter procedere in questo senso, è la definizione di un contratto quadro e di singoli contratti che stabiliscano le condizioni operative e regolamentari in base alle quali si attuerà la collaborazione tra le imprese portuali e Culmv nel 2021 e negli anni a venire.

“La condivisione di una soluzione organica, che implichi il contributo a beneficio di Culmv e che sia costruttiva per tutte le parti, costituisce un elemento di responsabilità dovuto anche nei confronti delle nostre aziende – a loro volta colpite dalla recessione in corso, alcune molto duramente – e soprattutto dei nostri dipendenti diretti. Abbiamo lavorato senza sosta in questa direzione, ma saranno necessarie alcune settimane, sia a noi che a Culmv, per poter discutere accordi operativioggettivamente complessi”.

La garanzia di attuazione di questo percorso è stata fornita dall’Autorità di Sistema Portuale, che ha anche assunto impegni formali nell’ambito del regolamento degli strumenti finanziari partecipativi erogati in favore della Compagnia.

“Auspichiamo che le funzioni di controllo dell’implementazione del piano di risanamento, che sono in mano all’Autorità di Sistema Portuale, siano da quest’ultima pienamente esercitate, al fine di consentire il raggiungimento di un adeguato livello efficienza di servizio oltreché di uno stabile equilibrio economico finanziario di Culmv”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.