In Liguria il 16% dei pagamenti della pubblica amministrazione avviene in grave ritardo. Il dato, aggiornato al 30 settembre 2020, risulta però in calo rispetto a quello di fine 2019, quando si attestava sul 17,3%. Numeri che emergono dallo studio realizzato da Cribis sulle abitudini di pagamento della PA, aggiornato al 30 settembre 2020. Cribis è una società del gruppo Crif, specializzata nella business information.

L’analisi include i seguenti settori della pubblica amministrazione: agenzie regionali sanitarie, autorità di ambito territoriale ottimale, aziende ospedaliere, aziende pubbliche di servizi alla persona, aziende sanitarie locali e relativi dipartimenti, camere di commercio, città metropolitane, Comuni, comunità montane, consorzi di bacino imbrifero montano, istituti di istruzione primaria e secondaria e relativi dipartimenti, istituti zooprofilattici sperimentali, ordini e collegi professionali e relativi dipartimenti, presidenza del consiglio dei ministri e ministeri e relativi dipartimenti, province, regioni, sanità, unioni di Comuni, università.

Secondo l’analisi, la nostra regione si colloca all’11esimo posto nella classifica del maggior numero di pagamenti oltre i 30 giorni. Aumentano i pagamenti alla scadenza, che passano dal 29,1% del 2019 al 32%: a livello nazionale, la Liguria è in sesta posizione, stabile rispetto all’anno precedente.

Clicca per ingrandire

 

 

 

Nel terzo trimestre del 2020 la puntualità dei pagamenti della pubblica amministrazione in Italia migliora di 2,9 punti percentuali rispetto a fine 2019 e diminuiscono dello 0,5% quelli in grave ritardo (oltre 30 giorni).

I tempi di pagamento della PA restano però sempre sotto la media delle imprese italiane: solo il 29,8% nella pubblica amministrazione rispetta la scadenza fissata (a fronte del 35,2% delle imprese), mentre i ritardi gravi (oltre 30 giorni) sono al 18,9% contro il 12,7% delle imprese.

Il Nord Ovest è l’area geografica più affidabile, con il 34,5% di pagamenti puntuali, mentre il Sud e le Isole sono le zone più in difficoltà, con il 31,8% di ritardi gravi a fronte del 23,1% del Centro, del 12,2% del Nord Ovest e del 9% del Nord Est.

«Nel Sud e nelle Isole − osserva Marco Preti, amministratore delegato di Cribis − la pubblica amministrazione però è più puntuale delle imprese: solo il 22,6% di queste ultime, infatti, paga i propri fornitori alla scadenza, contro il 27,9% delle aziende pubbliche».

Il record negativo dei ritardi oltre 30 giorni spetta alla Calabria con il 52,6%, seguita da Sicilia (32,5%), Campania (32,2%), Molise (30,9%) e Lazio (30,7%). Le regioni con meno ritardi gravi sono invece Valle d’Aosta (5,1%), Trentino-Alto Adige (6,2%) e Friuli-Venezia Giulia (7,7%).

Nel settore Asl e sanità lo studio di Cribis evidenzia negli ultimi due anni un calo progressivo dei ritardi gravi che, dal 41,6% del 2018, sono passati al 25,5% di fine settembre. Di contro, sono aumentati i ritardi fino a 30 giorni: erano il 57,9% nel 2018, sono saliti al 62,2% nel 2019 e a settembre hanno raggiunto il 74%. Nella sanità sono però quasi inesistenti i pagamenti puntuali, che oscillano dallo 0,5% del 2018 all’1% dell’anno scorso, per tornare allo 0,5% nell’ultimo trimestre del 2020.

Per quanto riguarda gli enti territoriali, Cribis rileva un miglioramento sia nei pagamenti alla scadenza (21,3%, vs il 19,1% del 2019 e il 16,5% del 2018), sia in quelli oltre 30 giorni che sono oggi il 23,7%, a fronte del 24,1% dello scorso dicembre.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.