È stata inaugurata oggi la nuova Casa di Quartiere 13D Certosa di Genova, il progetto nato dall’impegno sinergico del Comune di Genova e Costa Crociere Foundation e il contributo della Compagnia Fondazione San Paolo a favore di una delle aree della città più colpite dal crollo del Ponte Morandi.

La Casa di Quartiere 13D Certosa è uno spazio pensato e progettato per integrarsi con il resto del quartiere e ha come principale elemento distintivo e di valore l’inclusività. Infatti, attraverso un innovativo percorso partecipativo promosso da Costa Crociere Foundation e reso possibile dal coordinamento del Municipio V, i soggetti istituzionali e le principali associazioni che operano nel quartiere hanno condiviso visione, finalità e attività a cui destinare questo nuovo spazio. La Casa di Quartiere nasce quindi a partire dai reali bisogni espressi dalle comunità locali, e mette a disposizione competenze, spazi, strumenti e risorse per la collettività.

L’edificio ospita funzioni di supporto e assistenza al territorio, con l’obiettivo di fornire uno spazio aggregativo sia per le associazioni che per i singoli cittadini e gruppi che intendono promuovere nuove iniziative. La Casa di Quartiere rappresenta inoltre un luogo di accoglienza e inclusione per tutti, con particolare attenzione ai giovani, con la possibilità di organizzare attività di dopo scuola e orientate alla socialità, alle famiglie e agli anziani. È previsto inoltre uno spazio di co-working destinato a giovani imprenditori e start-up.

Il centro, della superficie di 530m2, si trova al primo piano di un edificio di proprietà del Comune, situato in via Certosa 13-D (da cui prende il nome, scelto dalle associazioni durante il percorso partecipativo), a pochi passi dalla stazione della metropolitana di Brin. Il progetto di riqualificazione, curato dall’architetto Antonella Pugno, è stato sostenuto da un investimento di più di 550 mila euro da parte di Costa Crociere Foundation, grazie anche alla raccolta fondi “Insieme per Genova”, che ha coinvolto tutti i principali stakeholder di Costa Crociere: gli ospiti a bordo delle navi, le agenzie di viaggio, i fornitori e i dipendenti. Anche la Compagnia di San Paolo ha contribuito direttamente alla raccolta donando 1 euro per tutte le prenotazioni effettuate da agosto a novembre 2018 e per tutti i piatti di trofie al pesto servite a bordo nello stesso periodo.

«Gli spazi che inauguriamo oggi – dichiara Marco Bucci, sindaco di Genova –sono destinati a diventare un cuore pulsante per tutto il quartiere. Le attività che troveranno casa qui, come il Maggiordomo di quartiere o gli sportelli di ascolto e consulenza, sono stati scelti attraverso un percorso di confronto con le associazioni del territorio. Sarà un luogo vivo, che risponde a esigenze reali e a servizio dei cittadini della zona. Grazie a Costa Crociere Foundation e Compagnia di San Paolo che, ancora una volta, sono stati interlocutori importanti del Comune di Genova per sviluppare un progetto che diventerà fondamentale per Certosa e non solo”.

«Costa Crociere Foundation, con questo contributo – commenta Ilaria Cavo, assessore regionali alle Politiche Sociali – conferma, ancora una volta, la sua vicinanza alle istanze del territorio dimostrata in questi anni durante i quali si è presa cura delle esigenze sociali della Liguria. Lo ha fatto lavorando a stretto contatto con i centri antiviolenza, per i quali ha sostenuto case rifugio e digitalizzazione durante il primo lockdown, e impegnandosi per l’inclusione sociale, con il sostegno ai progetti di molte associazioni. Questo centro è un altro segnale importante, che risponde a un’esigenza nata con il crollo del ponte Morandi, ma che guarda al futuro e alla collettività. Un centro che nasce dalla condivisione delle esigenze del quartiere, che sarà in grado, come tale, di creare comunità. Il fatto che sia aperto ai giovani per il doposcuola, alle associazioni e agli anziani ne fa una iniziativa grande e molto significativa dal punto di vista sociale. Il progetto parte ora, ma sarà a pieno regime quando ci saranno meno vincoli agli assembramenti, ponendo le basi alla necessaria rivitalizzazione del quartiere, tassello importantissimo della ricostruzione»

Secondo Davide Triacca, segretario generale di Costa Crociere Foundation, «la casa di quartiere 13D Certosa rende evidenti due attitudini naturali che la Fondazione ha ereditato da Costa Crociere: l’innovatività, ben testimoniata dal percorso di partecipazione pubblica davvero in grado di ascoltare, comprendere e rispondere alle esigenze della comunità locale attraverso questo spazio multifunzionale; e la concretezza, che ci permesso di completare con successo questo progetto nonostante le difficoltà enormi poste dalla pandemia. La sfida è ora quella di fare vivere questi spazi, farli diventare un valore aggiunto per la Valpolcevera e Genova. Faremo il massimo anche per questo. Grazie con sincerità a tutti i donatori e alla generosità degli Ospiti Costa che hanno reso possibile questo risultato” – ha dichiarato

Nella Casa di Quartiere, pienamente allestita e pronta a funzionare a pieno regime appena le norme Covid-19 lo renderanno possibile, saranno presenti operatori che garantiranno l’apertura della “Casa” da lunedì al sabato dalle 9 alle 19, resa possibile dal contributo della Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del progetto “Oltre il Ponte”. Un “Comitato Tecnico”, composto dalla Direzione delle Politiche Sociali, dal Municipio V Valpolcevera e da rappresentati di Costa Crociere Foundation, ha attualmente il compito di programmare, coordinare e verificare l’attività della Casa di Quartiere, accompagnandola verso l’adozione di uno strumento giuridico che si sta sperimentando in altri contesti nazionali, in modo particolare la Fondazione di Comunità. Inoltre, grazie a un accordo sottoscritto dal Comune di Genova con l’Università di Genova – Dipartimento Scienze della Formazione, con l’Ordine Ligure degli Psicologi e con l’Associazione per l’Emdr in Italia, le attività della Casa di Quartiere saranno monitorate e valutate nell’ambito di una ricerca-azione sulla Comunità di persone che vivono nei quartieri di Certosa e del Campasso.

Alberto Anfossi, segretario generale della Fondazione Compagnia di San Paolo, afferma: «Il progetto della Case di Quartiere si è sviluppato nell’ambito della Missione “Favorire partecipazione attiva” dell’obiettivo cultura, che guarda al protagonismo delle persone favorendo nuovo spirito di condivisione con cui ripensare gli spazi culturali e civici, ed interpretandoli in una nuova prospettiva che li renda più inclusivi e coinvolgenti. La nuova casa del quartiere certosa è tutto questo: un presidio culturale e civico che guarda allo spazio pubblico come spazio inclusivo di socialità, con attenzione all’infanzia, all’integrazione delle comunità immigrate, alla sostenibilità: un nodo territoriale in grado di riunire l’offerta di tante iniziative e favorire partecipazione».

Nella Casa di Quartiere, a seguito del percorso con le associazioni del territorio, sono stati già identificati i seguenti servizi di utilità sociale alla cittadinanza e attività:

Servizi alla cittadinanza

Maggiordomo di Quartiere

Sportello orientamento lavoro fasce deboli

Sportello antiviolenza donne

Sportello consulenza legale e psicologica

Gruppo auto aiuto padri separati

Attività ludico ricreative

Ginnastica per tutte le fasce d’età

Corsi danza e baby dance

Storia del Quartiere

Laboratori

Laboratori per infanzia e sostegno alla genitorialità

Laboratorio di scrittura creativa

Laboratori espressivi per infanzia e famiglie

Laboratorio teatrale per adolescenti

Laboratorio teatrale per spettacolo itinerante

Corsi

Corso informatica per adulti

Corso di cucina

Corso di autodifesa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.