Dopo le Valli dell’Antola e del Tigullio, si conclude l’iter di firma dell’Accordo di Programma Quadro anche per l’area interna Beigua Sol, che comprende 8 Comuni delle province di Genova e Savona: Campo Ligure, Masone, Mele, Rossiglione, Sassello, Stella, Urbe e Tiglieto.

Un progetto strategico capace di invertire la tendenza di calo demografico e di recuperare i servizi necessari al mantenimento della popolazione sul territorio (istruzione, sanità, mobilità), innescando occasioni di lavoro e di reimpiego, talvolta anche innovative e sperimentali, nel campo della green economy.

«Finalmente possiamo partire con i progetti che porteranno sul territorio oltre 9 milioni di euro tra fondi regionali, nazionali e comunitari − dichiara l’assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti − L’obiettivo è riuscire a massimizzare il potenziale inespresso di questa bellissima area. Come Sviluppo economico abbiamo impegnato oltre 2,4 milioni di euro di Fesr per intervenire sul potenziamento digitale delle attività, consentendo loro di affacciarsi a nuovi mercati, e sull’efficientamento energetico degli edifici».

La Strategia Nazionale Aree Interne è improntata alla combinazione di azioni che possano garantire lo sviluppo locale e il rafforzamento di servizi essenziali di cittadinanza – quali la sanità, i trasporti e l’istruzione – attraverso risorse ordinarie e a valere sui fondi Fesr, Fse, Feasr e Feamp. La strategia di sviluppo dell’area, in ragione delle vocazioni e delle peculiarità rurali, naturalistiche, paesaggistiche, storiche e culturali del territorio, si potrà proficuamente concretizzare nella creazione di una Green Valley, ossia di un distretto basato sulla qualità ambientale, dell’accoglienza e della vita per le comunità locali. Fa da sfondo strategico il percorso verso la sostenibilità ambientale stimolato e poi avviato negli ultimi anni dall’Ente Parco del Beigua.

«È stato un iter lungo e faticoso iniziato nel 2013 – afferma il sindaco di Urbe e referente per l’area interna Beigua Sol Fabrizio Antoci – Ringrazio tutti i sindaci che hanno contribuito alla stesura della Strategia Snai perché c’è stato un bel lavoro di squadra nell’individuare i 28 progetti per lo sviluppo dei territori, Regione, i tecnici di Alisa, l’Ufficio scolastico regionale e Anci per il supporto di segreteria tecnica che continuerà a darci nella amministrazione di questi progetti. Viene ora la parte che ci vedrà più impegnati, e cioè la messa a terra dei progetti e il raggiungimento degli obiettivi che ci siamo prefissati in tempi ragionevoli per dare una mano alle nostre comunità locali che ne hanno estremamente bisogno».

Esprime soddisfazione anche il coordinatore tecnico delle aree interne liguri Pierluigi Vinai: «È una grande soddisfazione, anche se sofferta per l’eccessivo tempo che abbiamo dovuto aspettare, poter dire al territorio che ce l’abbiamo fatta e che possiamo finalmente lavorare per questi progetti che con tanta volontà i sindaci hanno creato in questi anni. Desidero dedicare questo successo alla memoria di un grande amico, di un grande sindaco, una delle anime dell’area interna: Enrico Piccardo. Ringrazio il Comitato nazionale aree interne e Regione Liguria».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.