Utile netto a 11,9 milioni di euro contro lo 0,9 dello scorso anno, ricavi netti che superano quota 788 milioni, contro i 748,3 dell’anno scorso. Adjusted ebitda ed ebit in crescita, rispettivamente a quota 39,2 e 17,1 milioni.

Con questi risultati Orsero chiude i primi nove mesi del 2020: il cda della società quotata sul Mercato Telematico Azionario di Borsa Italiana, segmento Star, e holding dell’omonimo Gruppo tra i leader nell’Europa mediterranea per l’importazione e la distribuzione di prodotti ortofrutticoli freschi, ha approvato i dati economico-finanziari consolidati al 30 settembre 2020. Confermata anche la guidance FY 2020.

I ricavi netti, pari a circa 788,7 milioni, evidenziano un incremento dell’5,4% circa rispetto ai ricavi netti al 30 settembre 2019, pari a 748,3 milioni. Un miglioramento – spiega la nota dell’azienda – legato sia alla solida crescita dell’unità Import & Distribuzione spinta dall’andamento positivo delle società italiane, francesi e spagnole, sia al positivo contributo della business unit Shipping.

L’adjusted ebitda, pari a 39,2 milioni di euro, evidenzia un considerevole incremento del 39% circa rispetto ai 28,2 milioni dell’anno precedente con un adjusted ebitda margin del 5% in aumento di 120 bps rispetto ai primi 9 mesi del 2019. L’adjusted ebit, pari a 20,1 milioni, raddoppia rispetto ai 9,6 milioni conseguiti al 30 settembre 2019.

Il risultato netto adjusted evidenzia un utile di 13,3 milioni di euro rispetto a quello di 3,6 milioni al 30 settembre 2019: l’incremento è di 9,7 milioni, come conseguenza
dell’aumento della marginalità del periodo.

«Abbiamo chiuso un ottimo trimestre e siamo fiduciosi nel raggiungimento di tutti gli obiettivi che ci siamo prefissati per il 2020 − commenta Raffaella Orsero, ceo del Gruppo − Nonostante le numerose sfide socio-economiche provocate dalla pandemia, il settore ha dimostrato resilienza. Il nostro modello di business si è dimostrato solido e ha saputo dare simultaneamente risposte al panic buying originato dalle severe misure restrittive poste in essere da parte delle autorità pubbliche, alla mutata domanda di prodotti da parte dei consumatori e alla richiesta di maggiori servizi da parte della grande distribuzione. La nostra priorità resta la sicurezza e la salute dei lavoratori per questo stiamo continuando a monitorare e gestire con grande attenzione l’evoluzione della pandemia».

Per quello che riguarda i dati patrimoniali, il patrimonio netto totale è pari a 160,6 milioni, con un incremento di circa 9,7 milioni rispetto al dato del 31 dicembre 2019 (150,9 milioni). La posizione finanziaria netta è pari a 114,7 milioni rispetto a 126,9 milioni al 31 dicembre 2019.

Alla luce dei risultati conseguiti al 30 settembre 2020, la società “ritiene di poter
ulteriormente confermare le stime alla base della guidance FY 2020 comunicate al mercato in data 11 febbraio 2020″.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.