«È difficile far percepire alle persone che il miglioramento raggiunto nell’attività di tracciamento è diventato, per noi, un’arma a doppio taglio: da un lato, un tracciamento efficace significa limitare il diffondersi del contagio, ma dall’altro significa anche fermare il nostro stesso personale positivo al Covid – anche se asintomatico – e metterlo in quarantena. Questo ci obbliga a rimpinguare le risorse umane, prendendole in prestito da altri reparti, oppure assumendo nuovo personale in urgenza tramite bandi. E anche questo a volte è un problema».

Antonio Uccelli

A sottolineare le difficoltà che sta vivendo in queste settimane il personale ospedaliero, già più volte evidenziate anche dai sindacati, è Antonio Uccelli, direttore scientifico dell’Irccs Ospedale Policlinico San Martino, nel corso della conferenza online “Covid 19 in Liguria”, organizzata nell’ambito del Festival della Scienza di Genova. «Fatichiamo a trovare tecnici che facciano tamponi – dice Uccelli – quelli che potevamo arruolare li abbiamo arruolati, difficile trovarne altri. Sfortunatamente si ammalano anche le persone dell’amministrazione, di conseguenza non abbiamo il personale che possa redigere i bandi di concorso che ci darebbero la possibilità di assumere nuovi infermieri. D’altra parte dobbiamo seguire le norme di legge e per assumere dobbiamo fare concorsi. In questi giorni ne abbiamo aperto uno per 502 infermieri e l’abbiamo fatto con tre quarti dell’ufficio personale Covid positivo. È difficile fare percepire questa situazione al cittadino».

Personale ridotto all’osso e, di conseguenza, ospedali e pronto soccorso che faticano: «Anche perché almeno il 30% degli accessi al pronto soccorso potrebbe essere gestito a domicilio – sostiene Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive del San Martino – Correre al pronto soccorso in questo momento non solo fa male a se stessi, ma fa male anche al prossimo: il pronto soccorso non può sostituire la medicina territoriale, ma in molti casi invece succede proprio questo, il ps sostituisce il medico di base, ed è una delle ragioni per cui siamo in difficoltà».

«Il percorso al pronto soccorso richiede molto tempo – sottolinea Bassetti – tempo per essere visitati, per fare la cartella, per convincere la persona a essere dimessa e magari convincere anche i suoi accompagnatori». È evidente che in questo momento prevale il sentimento di paura: «Ma le persone non si rendono conto che in realtà nella maggior parte di casi il Covid-19 si manifesta in modo asintomatico – ricorda Bassetti – Oggi il primo obiettivo è fermare, o quanto meno rallentare, il contagio. Dobbiamo seguire delle regole, ma non tutti lo stiamo facendo».

Dal lato sanitario, rispetto a marzo-aprile, la situazione è molto cambiata: «Con la prima ondata ci è mancato soprattutto il tempo – ricorda Uccelli – è stato un continuo rincorrere una serie di eventi che non conoscevamo, soprattutto ci siamo dovuti confrontare su infezioni a noi sconosciute. Altro problema, la separazione dell’ospedale in aree cosiddette “pulite” e “sporche” creando percorsi ad hoc e separati per pazienti Covid. Difficile, ma lo abbiamo fatto: abbiamo trasformato intere porzioni dell’ospedale in strutture, come cardiologie e neurologie, che abbandonavano la loro fisiologica specificità per affrontare questo nuovo problema. Abbiamo ricreato veri e propri reparti, come il Maragliano e il padiglione 12, adattando sia le strutture sia il personale. Avevamo anche la necessità di acquistare respiratori e dpi, che subito non si trovavano. Ora le nostre strutture sono più pronte, noi stessi abbiamo imparato a riconoscere meglio il malato, a gestirlo e a tenerlo separato dagli altri. Se riusciamo a “filtrare” questo virus, evitando che travolga noi e il sistema sanitario, possiamo gestirlo e spesso con successo, garantendo la salute di tutte le persone che vengono infettate».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.