Solo nel 32,5% dei Comuni liguri si riesce a svolgere e completare online l’intero iter di un servizio utile all’attività economica di un’impresa. Nemmeno un Comune su tre. Il dato emerge dall’ultimo report dell’Istat (2020) “Pubblica amministrazione locale e Ict”, analizzato dall’Ufficio studi di Confartigianato.

L’analisi parte dalla considerazione che molti servizi pubblici essenziali per l’attività economica, in particolare per il settore delle costruzioni, sono in capo alle amministrazioni comunali e mette poi in luce quanto sia difficile in Italia riuscire a svolgere telematicamente almeno uno tra 24 servizi presi in esame.

A offrire questa possibilità alle imprese è appena il 48,3% dei Comuni italiani, meno della metà del totale. In questo contesto la Liguria non eccelle: il suo 32,5% la posiziona al quartultimo posto in Italia.

Fanno peggio solo Abruzzo (28,6%), Sicilia (27%) e Molise (23%). Tra le regioni con i Comuni più virtuosi e “tecnologici” spiccano invece il Veneto (70,8%), Lombardia (62,9%) ed Emilia-Romagna (62,4%).

Il commento

«Una dimostrazione di quanto sia ancora carente la relazione digitale tra Comuni e micro e piccole imprese – commenta Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – le quali rappresentano, tra l’altro, la parte imprenditoriale che maggiormente soffre questo “gap” tecnologico: spesso gli artigiani devono accollarsi in prima persona lo svolgimento delle pratiche burocratiche, che sarebbe molto più veloce, efficiente e sicuro se eseguito online, evitando così perdite di tempo e denaro. A maggior ragione in un periodo di grande attenzione alla sicurezza, come quello che stiamo affrontando».

Le criticità tra imprese e PA non si sono attenuate durante la crisi Covid-19, anzi: come ha dimostrato la recente survey “Effetti del coronavirus sulle mpi” realizzata da Confartigianato, su un campione di 3 mila imprese in Italia, gli effetti della pandemia hanno inciso negativamente su questo rapporto, già di per sé molto complicato: elevate problematiche nell’accesso agli sportelli e ai servizi web sono state segnalate da molte realtà imprenditoriali, soprattutto da quelle edili.

A tal proposito solo il 15% dei Comuni italiani prevede l’avvio e la conclusione per via telematica dell’intero iter relativo ai permessi di costruire: mancano all’appello della completa gestione online di questo servizio ben 6.760 Comuni. Il digital gap si ripercuote sulla scarsa efficacia del servizio: secondo la classifica di Doing Business (Banca Mondiale, 2020), il processo di ottenimento dei permessi edilizi in Italia è più lungo e più costoso rispetto alla media dei Paesi dell’Unione Europea.

Nonostante la crescente disponibilità di strumenti informatici l’87,8% delle PA locali utilizza ancora strumenti analogici (timbri, firme, sigle) nella protocollazione. E solo un dipendente delle pubbliche amministrazioni locali su 10 ha seguito corsi di formazione in materie informatiche.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.