«Con il nuovo dpcm per la ristorazione è impedita l’attività del servizio principale della giornata, mentre per i bar si tratta di un’ulteriore forte contrazione dell’operatività. La contrarietà si aggiunge alla consapevolezza che non esiste connessione tra la frequentazione dei pubblici esercizi e la diffusione dei contagi, come dimostrato da fonti scientifiche, che attribuiscono piuttosto ad altri fattori – mobilità, sistema scolastico e mondo del lavoro – le principali fonti di contagio».

Lo dichiara Alessandro Cavo, presidente regionale ligure e provinciale genovese di Fipe-Confcommercio.

Fipe-Confcommercio ha promosso una manifestazione di protesta per il 28 ottobre e sarà presente in 21 piazze d’Italia per ribadire i «veri valori del settore – economici, sociali, culturali ed antropologici, messi in seria discussione dagli effetti della pandemia da Covid-19».

Per quanto riguarda Genova e la Liguria la richiesta di organizzare tale manifestazione è stata ritenuta irricevibile, dalle autorità competenti, tenute presenti le ordinanze regionali n. 68 e n. 73 che prevedono divieto di manifestazioni pubbliche e private e divieto assoluto di assembramento. Pertanto la manifestazione non si svolgerà se non in forma virtuale.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.