Chiusura in rosso per le principali borse europee, spaventate dalla seconda ondata dell’epidemia e dai lockdown conseguenti. Parigi segna -1,53%, Francoforte -1,43%, Madrid -1,65%, Londra-1,9%, in controtendenza con il cauto rialzo di Wall Street (+0,1%) e del Nasdaq (+0,16%).

Milano ha terminato le contrattazioni con Ftse Italia All Share -1,86%, Ftse Mib -2,03%, Ftse Aim Italia -0,43%. Netto ampliamento dello spread Btp/Bund a 136 punti (variazione +3,51%, rendimento Btp 10 anni+0,77%, rendimento Bund 10 anni -0,59%).

A Piazza Affari in testa al Mib si collocano Diasorin (+1,99%), Unipol (+1,2%) e Buzzi Unicem, in fondo Bper Banca (-6,38%), oggetto di prese di beneficio, Saipem (-5,26%) a causa della debolezza del petrolio, Leonardo (-4,77) e Pirelli (-4,66%). Fuori del listino principale boom di Ferragamo (+8,73%), su voci, smentite, di dismissione di una quota da parte della famiglia.

Sul fronte dei cambi, l’euro si è rafforzato sul dollaro a 1,1866 (contro 1,1823 dollari ieri in chiusura) e vale 124,12 yen (124,82). Il dollaro-yen cala a 104,61 (105,573 yen).

Il dato deludente delle scorte Usa fa scendere il petrolio: il Wti con scadenza a dicembre segna – 3,3% con le quotazioni intorno ai 40,3 dollari al barile.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.