Fabio Tosi, capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, «In Liguria, stando ai dati aggiornati al 25 settembre, su 234 Comuni solo 25 hanno approvato i progetti di utilità collettiva. Poco più del 10% in tre province, cioè Imperia, Genova e La Spezia. E sì che, grazie ai Progetti, i Comuni potrebbero utilizzare gran parte dei percettori del reddito per lavori socialmente utili».

I Comuni che hanno già attivato i progetti sono: Airole, Arcola, Badalucco, Bolano, Bordighera, Busalla, Calice Cornoviglio, Dolceacqua, Follo, Fontanigorda, Imperia, Moneglia, Montoggio, Perinaldo, Pieve Ligure, Rapallo, Riccò del Golfo, Rocchetta di Vara, San Biagio della Cima, Sestri Levante, Sori, Taggia, Vallecrosia e Ventimiglia.

«È innegabile che siano un’opportunità da sfruttare perché permettono a molte amministrazioni di provvedere a costo zero a lavori utili in ambito culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo e di tutela dei beni comuni» aggiunge Tosi.

Il consigliere pentastellato non si nasconde: «È indubbio che il reddito di cittadinanza deve essere perfezionato nell’interesse di tutti. È il motivo per cui, nei giorni scorsi, il presidente del Consiglio Conte ha incaricato il ministro dell’Innovazione Pisano di creare una app per incrociare i dati tra percettori del reddito e offerte di lavoro, in modo di aumentare in maniera esponenziale il loro reinserimento nel mondo lavorativo».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.