Rina ha collaborato con l’Agenzia Europea per la Sicurezza Marittima (Emsa) a un progetto pilota per testare l’aumentata capacità di scambio di dati di Thetis, il sistema Emsa che raccoglie le informazioni relative alle ispezioni effettuate a bordo delle navi. Il progetto pilota ha avuto successo e la nuova funzionalità è stata avviata.

Durante il processo di certificazione di una nave, gli organismi riconosciuti dall’Ue sono tenuti a inserire su Thetis dati tra cui il luogo e la data delle ispezioni, il tipo di certificato rilasciato e le date di rilascio e di scadenza. Grazie alla nuova funzionalità del sistema Thetis è oggi possibile prelevare e gestire molti più dati dai certificati, incluso il collegamento al certificato elettronico.

Il sistema è in grado di ricevere e gestire le centinaia di dati contenuti nel certificato Iopp (International oil pollution prevention) della Marpol e nel suo supplemento, compresi quelli relativi alla geometria della nave. Altri tipi di certificati verranno presto inclusi.

Inoltre, gli utenti Thetis avranno un vantaggio immediato nella gestione dei certificati elettronici, grazie al collegamento diretto al sito per la verifica dello stato del documento. In conformità con le linee guida applicabili dell’Organizzazione Marittima Internazionale (Imo), a ciascun certificato elettronico verrà assegnato un numero di tracciamento univoco (Utn) che integra la sicurezza e l’usabilità del sistema. Ciò consentirà agli ufficiali del Port State di verificare, grazie a Thetis, la validità dei certificati elettronici prima di salire a bordo di una nave e di intraprendere le azioni necessarie qualora tali certificati fossero scaduti o non più validi.

«Vorrei ringraziare Rina – afferma Maja Markovčić Kostelac, direttore esecutivo dell’Emsa – per aver lavorato a questo progetto. La digitalizzazione e, in prospettiva, la semplificazione del trasporto marittimo sono uno dei nostri obiettivi strategici, in linea con la priorità dell’Unione di avere “un’Europa adatta all’era digitale”. I certificati elettronici sono un passo importante di questo processo».

Paolo Moretti, amministratore delegato di Rina Services, ha dichiarato: «Riteniamo che la digitalizzazione avrà un impatto positivo considerevole sull’attività degli organismi riconosciuti dall’Ue per le ispezioni sulle navi e il nuovo servizio web Emsa rappresenta un grande passo nella giusta direzione. Per questo sistema di vitale importanza, tuttavia, è fondamentale che tutti gli aspetti siano stati considerati, testati e verificati prima di effettuarne il rilascio. Rina è felice di essere stata partner dell’Emsa per un progetto così strategico e stimolante».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.