Sta per finire la stagione delle melanzane, e vogliamo chiuderla in bellezza: tra le tante possibilità offerte da questa verdura così versatile e gustosa scegliamo i ravioli che, quale che sia il loro ripieno, sono uno dei piatti più apprezzati nella cucina ligure.

Ingredienti

Per la pasta: 300 grammi di farina, 2 uova, sale. Per il ripieno: 300 grammi di melanzane, 1 spicchio d’aglio, 150 grammi di quagliata, 150 grammi di parmigiano grattugiato, 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva, sale. Per il sugo: 800 grammi di pomodoro, una costa di sedano, una carota, una cipolla, uno spicchio d’aglio, 8 cucchiai di olio extravergine, un mazzetto di basilico, sale.

Mescolate la farina con le uova e il sale aggiungendo qualche goccio d’acqua per rendere morbido l’impasto. Con il mattarello o con la classica macchinetta “Imperia” trasformate l’impasto in una sfoglia sottile e larga una decina di centimetri. Fate bollire le melanzane una decina di minuti, o comunque finché non sentite, premendole con la forchetta, che sono diventate morbide. A questo punto tagliatele a pezzi, schiacciatele con la forchetta per eliminare l’acqua di vegetazione in eccesso e mettetele nel mixer insieme all’aglio, all’olio, al sale, alla quagliata e al parmigiano.

Ora prendete la sfoglia, dividetela a metà e sulla prima posate, a distanza di due centimetri l’uno dall’altro, i mucchietti di ripieno, poi coprite con la seconda sfoglia, con le dita schiacciate i margini di sfoglia intorno ai ripieni e con la rotella dentata, o altro strumento che preferite, separate i ravioli.

Per il sugo tritate sedano carota e cipolla e passate al mixer i pomodori. Versate il tutto nel tegame con il sale e lo spicchio d’aglio. Fate cuocere a fuoco medio e tegame scoperto per una ventina di minuti, quindi aggiungete l’olio, portate la fiamma al minimo, coprite il tegame e lasciate cuocere per un’altra ventina di minuti. A fine cottura aggiungete al sugo il basilico fatto a pezzettini.

Mettete a cuocere i ravioli in acqua bollente salata, levandoli dalla pentola quando tornano a galla, conditeli con il sugo e serviteli caldi. Magari accompagnati da Valpolcevera bianco.

Placet experiri!

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.