La Borsa di Milano ha aperto in negativo: l’indice Ftse Mib cede l’1,14% a 19.826 punti. In calo Prysmian (-1,74%), Banco Bpm (-1,67%) e Stmicroelectronics (-1,62%). Guadagna Diasorin (+1,36%). Pesano le valutazioni della Fed circa le capacità di ripresa dell’economia Usa.

Le Borse europee non fanno meglio: Parigi -1,26%,  Francoforte -1,14% e Londra -1,07%.

Nei mercati asiatici chiusura in calo nel giorno in cui la Banca centrale cinese ha deciso di lasciare invariato per il quarto mese di fila il Loan prime rate (Lpr).
Tokyo (-1%) archivia la seduta in rosso.

Sul fronte macroeconomico in arrivo i dati sui prezzi alla produzione in Germania e la tendenza degli ordini industriali nel Regno Unito. Atteso anche l’indice della produzione nel settore delle costruzioni dell’Eurozona. Dagli Stati Uniti attese le richieste settimanali di disoccupazione.

Quotazioni del petrolio in lieve calo sul mercato after hour di New York. Il Wti passa di mano a 42,49 dollari al barile con un calo dell’1% rispetto alle quotazioni di ieri sera a New York. Il Brent scende dello 0,8% a 44,99 dollari al barile.

Nei cambi euro poco mosso sul dollaro in avvio di mattinata. La moneta unica europea passa di mano a quota 1,1839 contro il dollaro a fronte del valore di 1,1845 di ieri sera a New York. Sullo yen la moneta unica è stabile a quota 125,62.

Lo spread tra Btp decennale italiano e corrispondente Bund tedesco è in lieve aumento a 140 punti base. Il rendimento è a +0.92%.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.