Intesa Sanpaolo arriverà a detenere complessivamente il 91,0149% del capitale di Ubi Banca, considerati i risultati dell’opas (chiusa con adesioni per il 90,2041% delle azioni Ubi oggetto di offerta e per il 90,1835% del capitale sociale) e i titoli già detenuti in precedenza.

Pertanto la condizione soglia percentuale (ossia la detenzione da parte dell’offerente di una partecipazione complessiva pari ad almeno il 66,67% del capitale sociale dell’emittente) risulta avverata. Lo annuncia un comunicato di Intesa.

Avendo raggiunto una partecipazione superiore al 90%, ma inferiore del 95%, sottolinea un comunicato, Intesa non ripristinerà un flottante sufficiente ad assicurare il regolare andamento delle negoziazioni delle azioni ordinarie dell’emittente e darà corso alla procedura per l’adempimento dell’obbligo di acquisto del restante 8,9851% del capitale di Ubi.

Intesa ,dopo il proprio cda, renderà noto entro le ore 7.59 del 4 agosto ‘l’avveramento o il mancato avveramento di ciascuna delle altre condizioni di efficacia, ossia la condizione su atti rilevanti, la condizione su misure difensive e la condizione Mac/Mae o, in caso di mancato avveramento di una o più di tali condizioni di efficacia, l’eventuale rinuncia a ciascuna di esse. In caso di via libera definitivo, il pagamento del corrispettivo sarà’ effettuato il 5 agosto 2020.

«Oggi – commenta Carlo Messina, ceo di Intesa Sanpaolo –  portiamo a termine un’operazione che ci vede tutti vincitori: grazie alla decisione,  di cui siamo orgogliosi,  del 90,2% degli azionisti di Ubi Banca di entrare a far parte di Intesa Sanpaolo, daremo vita a una nuova realtà in grado di rafforzare il sistema finanziario italiano e di ricoprire un ruolo di leader nello scenario bancario europeo».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.