Uno dei rimedi popolari contro il gran caldo, si sa, è il succo di limone, in genere bevuto insieme all’acqua fresca, o messo nel vino come nella sangria, o in cocktail, alcolici e analcolici,  e  in sorbetti. Anche con le carni l’agro del limone viene utilizzato comunemente, per alleggerire il piatto e renderlo più stuzzicante: le scaloppine di pollo o vitello cotte nel burro con una spruzzata di succo di questo agrume sono giustamente apprezzate e non solo nei mesi estivi.

Oggi presentiamo  una ricetta meno nota ma meritevole di essere conosciuta, la salsa al limone, tratta da un libro affascinante, di Maria Carla Beretta: “Dita di Nettuno – Le abbazie del Monte di Portofino e la loro cucina da un ricettario del 1880” (Edizioni Tigullio-Bacherontius).

Beretta ha selezionato le ricette che riteneva più significative e proponibili ai nostri tempi dalla “Cucina di Strettissimo Magro senza carne, uova e latticini composta per comodo del pubblico per S.D. dei Minimi di San Francesco di Paola” pubblicata a Genova nel 1880.

Salsa al limone

La studiosa ha scoperto che l’autore era padre Gaspare – al secolo Stanislao – Delle Piane, genovese, dell’Ordine dei Minimi di San Francesco di Paola, che quando pubblicò il libro era superiore dell’Abbazia di San Niccolò di Capodimonte, tra San Fruttuoso e Camogli. Il ricettario di Delle Piane si può considerare frutto dell’esperienza dei religiosi delle abbazie del Monte di Portofino, tenuti a seguire un’alimentazione di strettissimo magro e, secondo Beretta, è anche chiaramente di tradizione genovese e rivierasca. Delle Piane, sacerdote colto, studioso di filosofia e medicina, avrebbe dato forma organica alle ricette dei conventi della zona.

«L’origine locale dei piatti – scrive la studiosa – è indubbia: alcune ricette sono quasi identiche a quelle classiche della cucina genovese e rivierasca, altre sono decisamente particolari e sorprendenti. Gli ingredienti sono sempre quelli reperibili in quegli anni nel mare, nei campi e negli orti del Monte di Portofino. Anche vari nomi di pesci, ortaggi e oggetti di uso abituale nelle cucine dell’epoca tradiscono inequivocabilmente la loro origine di questa zona o comunque del Genovesato».

 

Secondo la ricetta, pubblicata a pagina 56 del libro, edizione 2004, si frullano 40 grammi di pinoli – lasciati per tre ore in acqua fredda – con quattro filetti di acciuga, sei cucchiai di olio e quattro cucchiai di succo di limone. Si mescola bene e la salsa è pronta.

Una salsa che, a nostro avviso, può accompagnare benissimo pesci e carni bianche, e anche carni rosse fredde in insalata. E altro che la vostra fantasia potrebbe suggerirvi.

Il vino da abbinare andrà scelto in base all’ingrediente condito dalla salsa.

Placet experiri!

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.