Oltre 5 milioni di euro per il 2020 potenziando l’offerta dei nidi e delle scuole dell’infanzia.

La giunta regionale, su proposta degli assessori all’Istruzione Ilaria Cavo, alla Sanità Sonia Viale e all’Urbanistica Marco Scajola, ha approvato oggi lo stanziamento della somma.

«Con la delibera di oggi – precisa l’assessore alla Sanità Sonia Viale – destiniamo maggiori fondi al sistema di servizi destinati ai bambini da 0 a 6 anni, in una logica di continuità educativa dal nido alla scuola dell’infanzia, che non ha solo un alto valore formativo, ma anche e soprattutto sociale. Raccogliamo i frutti di un lavoro di pressione sul governo che ha portato a ottenere queste risorse con circa 6 mesi di anticipo rispetto allo stanziamento dell’anno precedente: i fondi relativi al 2019 erano arrivati in Liguria solamente a gennaio di quest’anno. Grazie al passaggio odierno, questi 5 milioni di euro andranno più rapidamente ai Comuni, alle scuole paritarie e ai nidi accreditati. Un risultato importante per le famiglie in un momento in cui è necessario non solo garantire la continuità, ma consolidare e ampliare la rete dei servizi educativi per l’infanzia, potenziare le sezioni primavera e, non ultimo, investire sulla formazione degli operatori, che saranno sempre più preparati in un lavoro prezioso e delicato come quello con i più piccoli».

«La norma statale – aggiunge l’assessore Ilaria Cavo – prevede che le Regioni assicurino un finanziamento pari almeno al 30% delle risorse statali: Regione Liguria ha fatto ben di più, stanziando 6 milioni di euro per i voucher Centri estivi. È stata una nostra scelta precisa agire in questa direzione per continuare a supportare le famiglie nella ripartenza dopo l’emergenza Covid, stanziando fondi il cui risultato è quello di non scaricare sui genitori i maggiori costi che le realtà devono supportare per garantire la sicurezza e salute dei bambini e degli operatori».

Si continua a tenere conto della spesa storica e dei servizi garantiti direttamente dai Comuni e si ribadisce ai Comuni stessi che una quota, corrispondente al 16% del totale, dovrà essere trasferita ai nidi privati accreditati e scuole dell’infanzia private che, dice Cavo, nel sistema da 0 a 6 anni rappresentano una scelta per molte famiglie e garantiscono una maggiore copertura delle necessità. Inoltre, la delibera approvata oggi prevede che vengano incrementati i convenzionamenti con i servizi socioeducativi per la prima infanzia privati accreditati e che si favoriscano ulteriori riduzioni dei costi a carico degli utenti.

«Da non sottovalutare – aggiunge l’assessore all’Urbanistica Marco Scajola – il fatto che una parte di questi fondi potranno essere utilizzati per riqualificare edifici scolastici già esistenti e al momento sottoutilizzati, ma anche per promuovere la costruzione di nuovi edifici».

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.