Sono dieci i progetti finanziati in tutto il mondo dall’AXA Research Fund, nell’ambito della call straordinaria “Mitigating risk in the wake of the Covid-19 Pandemic” per la ricerca su Covid-19. Unico italiano quello presentato dal Dipartimento di Neuroscienze, Riabilitazione, Oftalmologia, Genetica e Scienze Materno-Infantili dell’Università di Genova.

Nei prossimi 18 mesi, con una dotazione finanziaria di 250 mila euro, obiettivo del progetto dell’Università di Genova sarà quello di analizzare l’impatto che le misure di contenimento adottate durante l’emergenza Covid-19, il cosiddetto lockdown, hanno avuto sul benessere psichico e sociale della popolazione italiana, con particolare riferimento agli anziani e ai soggetti vulnerabili.

Al consorzio del progetto, coordinato dall’Università di Genova, partecipano il Sistema Sanitario Nazionale, le Università milanesi Bocconi e Vita-Salute San Raffaele, l’Università dell’Insubria e l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri; un team multidisciplinare di esperti con competenze cliniche, epidemiologiche ed economiche che collaborerà all’analisi di grandi basi dati al fine di quantificare gli effetti diretti e indiretti che la pandemia da Covid-19 ha avuto e avrà sugli stili di vita, sui fattori di rischio comportamentali e sulla salute mentale delle categorie più a rischio.

Principal Investigator il prof. Gianluca Serafini, associato di Psichiatria, in un team della psichiatria genovese di cui fanno parte i ricercatori Andrea Amerio e Andrea Aguglia.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.