FlixBus riattiva nuovi collegamenti con Genova, portando a 42 il numero delle destinazioni nuovamente raggiungibili dal capoluogo ligure in Italia e all’estero.

In particolare, tornano attivi i collegamenti con 24 città estere. L’esclusione da parte del governo del settore dei bus dalla propria strategia di rilancio per i trasporti implica una ripartenza a ranghi ridotti.

Da giovedì 9 luglio in Francia si potranno raggiungere di nuovo Nizza, Cannes, Tolone, Marsiglia, Aix-en-Provence, Montpellier, Perpignano e Strasburgo, mentre fra le altre mete si possono citare Barcellona, Monaco di Baviera, Colonia, Berna, Bruxelles e il Lussemburgo.

È una ripartenza a ranghi ridotti che FilxBus imputa all’esclusione del settore autobus dalla strategia per i trasporti delineata dal governo e che si riflette anche a livello nazionale, con una forte riduzione delle rotte fra la città e le altre regioni, dove per ora tornano collegate meno di 20 mete, tra cui Torino, Milano, Venezia, Bologna, Roma, Napoli e gli aeroporti di Linate e Orio al Serio.

Inoltre FlixBus torna a garantire ai turisti in partenza da Genova la possibilità di spostarsi verso località di richiamo per il turismo culturale, come Pompei e Paestum in Campania, e di montagna, quali Aosta, Trento e Bolzano.

Andrea Incondi, managing director di FlixBus Italia, torna a sottolineare come, senza alcuni indispensabili aiuti a tutto il settore, la ripresa dei servizi potrà essere ancora più lenta e incerta di quanto lo sia ora, mettendo a rischio servizi di linea, concorrenza, posti di lavoro e diritto alla mobilità per milioni di cittadini che hanno nell’autobus l’unico mezzo di trasporto pubblico per raggiungere il proprio territorio.

«FlixBus, così come altre decine di aziende italiane in questi anni ha garantito completamente a proprie spese un servizio pubblico per il Paese. Nel 2019 abbiamo consentito, in Italia, a oltre 10 milioni di persone di potersi spostare facilmente, con una rete nazionale che è arrivata a collegare oltre 500 città da Nord a Sud. Numeri che, per capillarità, non sono in alcun modo paragonabili né al trasporto aereo né a quello ferroviario. Ci aspettiamo risorse adeguate e interventi efficaci, soluzioni concrete e non simboliche che avrebbero delle ricadute economiche estremamente positive non solo su tutto il fronte dei trasporti in chiave di intermodalità, ma soprattutto sui territori, sui piccoli comuni».

Igiene e sicurezza a bordo: tutte le misure prese da FlixBus

Tra le misure di sicurezza implementate da FlixBus, elencate in dettaglio nella sezione dedicata sul sito, l’accurata pulizia e disinfezione dei mezzi, sanificati al termine di ogni corsa e sottoposti a sanificazione aggiuntiva nelle maggiori stazioni, l’imbarco previsto esclusivamente dall’entrata posteriore, il check-in touch-less e la presenza di un dispenser con gel disinfettante per l’intera durata del viaggio. A tali misure si aggiunge la garanzia della distanza minima anche nelle fasi di imbarco e di sbarco, e l’obbligo di indossare la mascherina prima, durante e alla fine del viaggio.

I passeggeri di FlixBus che acquistano il proprio viaggio sul sito www.flixbus.it o tramite l’app FlixBus gratuita saranno informati delle misure di sicurezza all’interno della conferma di prenotazione, illustrate anche dagli autisti FlixBus a bordo. L’applicazione di misure di sicurezza più stringenti della media e la collaborazione continuativa con le istituzioni e le autorità sanitarie costituiscono per FlixBus prerequisiti fondamentali nella fase di rilancio, nell’ottica di garantire ai passeggeri un’esperienza quanto più piacevole possibile.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.