Questa mattina Trecentina e Camilla-Regina, due esemplari di tartaruga marina della specie Caretta caretta, curati nell’Acquario di Genova sono tornati al mare dal tratto di lido demaniale in uso all’Esercito Italiano in corso Italia, Genova.

L’evento è stato organizzato in collaborazione con la Capitaneria di Porto, da sempre accanto all’Acquario di Genova nell’attività di recupero di questi animali in difficoltà e di successivo rilascio, il nucleo Carabinieri Cites di Genova, che coordina l’applicazione della Convenzione di Washington che tutela anche questi animali, l’Esercito Italiano, che ha concesso l’uso della spiaggia per l’evento e la Fondazione Acquario di Genova Onlus.

Per Camilla-Regina, in particolare, l’affidamento nei mesi precedenti prima all’Acquario di Livorno e poi all’Acquario di Genova è stato concesso dall’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana e l’Osservatorio Toscano per la Biodiversità di Regione Toscana.

Il rilascio è avvenuto con la partecipazione anche del Wwf, per cui ha presenziato Leonardo D’Imporzano, referente della sezione Wwf Sub, con cui l’Acquario di Genova ha da poco siglato un accordo quadro che prevede la realizzazione di attività di ricerca, divulgazione e conservazione di specie marine, specialmente nell’ambito del Santuario Pelagos.

L’iniziativa si inserisce nella campagna GenerAzioneMare grazie alla quale il Wwf, coinvolgendo enti, ricercatori, cittadini, pescatori, e aziende, difende il Capitale Blu del Mediterraneo.

L’attività di pronto soccorso tartarughe marine, al pari delle altre attività di conservazione delle specie acquatiche e di progetti di sostenibilità in cui l’Acquario di Genova è da sempre impegnato è resa possibile anche grazie al supporto di Unicredit, main sponsor della struttura per il prossimo triennio.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.