Chiusura in calo per le Borse europee che dopo l’andamento positivo di ieri hanno scontato le prese di beneficio e l’aumento dei contagi da Covid-19 negli Usa.

Nonostante i dati positivi del lavoro Usa, dell’indice cinese dei servizi Caixin e delll’indice Pmi composito dell’Eurozona, Ftse 100 di Londra segna -1,33%, il Cac 40 di Parigi -0,84%, il Dax 30 di Francoforte -0,64%.

Milano ha chiuso le contrattazioni con Ftse Italia All Share -0,73% e Ftse Mib -0,81%. In aumento lo spread Btp/Bund, attestato su 172 punti (variazione +2,87%, rendimento Btp 10 anni +1,26%, rendimento Bund 10 anni -0,47%) da 168% della chiusura precedente

A Piazza Affari è stata Ubi Banca (+2,5%) a mettere a segno il maggiore rialzo del Mib. Lunedi’ parte l’ops di Intesa Sanpaolo (-0,34%) su Ubi, che ha bocciato l’offerta definendola «non concordata e non conveniente» . Il maggiore ribasso è di Pirelli (-2,93%).

Sul mercato dei cambi, la divisa europea resta stabile e viene scambiata a 1,1243 dollari (1,124 in avvio e alla vigilia) e a 120,8805 yen (120,8 in avvio). Il dollaro vale 107,512 yen (107,48 in avvio e 107,56 ieri sera).

In calo il prezzo del petrolio con il contratto consegna agosto sul Wti che scende dell’1% a 40,23 dollari al barile e quello consegna settembre sul Brent del Mare del Nord dello 0,97% a 42,72 dollari al barile.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.