Apertura in positivo per le principali Borse europee, che guardano con ottimismo una settimana importante con il pil cinese del secondo trimestre, l’avvio delle trimestrali negli Stati Uniti, il vertice europeo sul recovery fund e il meeting della Bce.

La migliore è Francoforte (+1,45%) a 12.817 punti, seguita da Parigi (+1,12%) a 5.062 punti e Londra (+1%) a 6.156 punti poco dopo l’inizio delle contrattazioni. Bene anche la Borsa di Milano, che apre in rialzo dell’1,47%, con il Ftse Mib a 20.057 punti.

Sul fronte asiatico, la Borsa di Tokyo termina la prima seduta della settimana in netto rialzo trainata dalle aspettative di un progresso della ricerca medica per il vaccino contro il coronavirus, e il rally degli indici azionari Usa lo scorso venerdì. Il Nikkei mette a segno un aumento del 2,22%, a quota 22.784,74.

A Piazza Affari spiccano Leonardo (+4,84%), Telecom Italia (+3,42%), Pirelli (+3,42%), Fca (+2,68%). Atlantia ko anche nella prima giornata di contrattazioni: il titolo segna un -10%, dopo che il governo sembra deciso a revocare la concessione autostradale per Autostrade per l’Italia.

I cambi: lo yen si mantiene stabile sul dollaro a 106,90, mentre si deprezza a 121,10 sull’euro.

Quotazioni del petrolio in calo in avvio di giornata in attesa del meeting Opec di questa
settimana. Il greggio Wti cede lo 0,72% a 40,97 dollari al barile. Il Brent perde lo 0,6% a 42,97 dollari.

Lo spread: nelle prime battute si allarga il differenziale di rendimento tra Btp e Bund, indicato a 172 punti base. Il rendimento del Btp decennale benchmark si attesta all’1,27%.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.