Borsa, apertura cauta a Milano e in Europa in attesa del vertice sul Recovery Fund

L'avvio della giornata finanziaria, i titoli in evidenza, le quotazioni di petrolio, euro e spread

Borsa, apertura cauta a Milano e in Europa in attesa del vertice sul Recovery Fund

C’è cautela tra le principali piazze europee, che aprono in leggero rialzo in attesa della riunione del consiglio europeo sul Recovery Fund. Francoforte guadagna lo 0,31% con il Dax a 12.915 punti. Parigi segna un marginale +0,05% con il Cac 40 a 5.008 punti. Sugli
stessi livelli bcon un un +0,06% e il Ftse 100 a 6.256 punti. In rialzo anche Milano, con il primo Ftse Mib che segna un +0,29% a 20.414 punti.

Sul fronte asiatico, con gli investitori preoccupati dal progressivo incremento di contagi da coronavirus nella capitale giapponese, la Borsa di Tokyo termina l’ultima seduta della settimana in calo: il Nikkei segna un ribasso dello 0,32%, a quota 22.696,42, cedendo 73 punti.

A Piazza Affari in evidenza St Microelectronics, in rialzo del 2,07%. Bene anche Azimut (+1,16%) e Ferrari (+0,78%). Perde terreno Cnh Industrial (-1,19%) e, in generale, i bancari, con Unicredit, Mediobanca e Unipol in flessione dell’1%. Atlantia, dopo un avvio positivo, perde lo 0,25%.

I cambi: lo yen si va svalutando sul dollaro a un livello di 107,20, e sull’euro poco sotto a 122.

Il prezzo del petrolio oscilla sui 40 dollari al barile all’avvio dei mercati. Il greggio Wti scambia a 40,68 dollari con un calo dello 0,17%. Il Brent del Mare del Nord è quotato 43,23 dollari (-0,32%).

Avvio stabile per lo spread Btp/Bund, che apre a 164 pb. Fermo anche il rendimento del Btp differenziale benchmark che si attesta sull’1,18%.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here