Andora, al via il taglio di alberi su tutto il territorio comunale

Individuati quelli instabili e le cui radici divelgono i marciapiedi, la pavimentazione di parchi pubblici e l'asfalto delle strade

Andora, al via il taglio di alberi su tutto il territorio comunale

Alberi instabili e le cui radici divelgono i marciapiedi, la pavimentazione di parchi pubblici e l’asfalto delle strade provocando cadute a chi passeggia e un vero e proprio effetto montagne russe per gli automobilisti che percorrono le vie. Il fenomeno interessa alcune zone di Andora e da questa mattina gli operai della ditta incaricata dal Comune sono al lavoro per le procedure di abbattimento delle piante a causa della pericolosità accertata da una perizia di un agronomo.

«Risolviamo una problematica segnalata da tempo dai cittadini che ha provocato cadute fra i pedoni e comporta una viabilità rischiosa per auto e moto. Le radici, da tempo, hanno sollevato le pavimentazioni in mattonelle di alcuni marciapiedi e l’asfalto di strade e parcheggi – ha dichiarato il sindaco Mauro Demichelis che ha effettuato un sopralluogo durante l’abbattimento – Sui novanta alberi esaminati, sono circa una settantina quelli che la perizia dell’agronomo ha giudicato instabili oppure pericolosi per la sicurezza di cose e persone perché le radici affiorano dal suolo. Dopo la rimozione, secondo una tempistica definita dagli esperti, si procederà all’estrazione delle radici dal sottosuolo, al ripristino del manto stradale e nella stagione adatta, alla piantumazione di nuovi alberi consigliati dall’agronomo, che hanno radici che non comportano problemi»

L’intervento più importante, a prevenzione della sicurezza pubblica, sarà fatto in zone particolarmente frequentate come il Parco delle Farfalle, via Cristoforo Colombo e in Piazza del mercato. Altre zone saranno interessate dal taglio di singole piante. L’operazione ha un costo di 41mila euro e si inserisce in un intervento del valore complessivo di 120mila euro che prevede il decespugliamento dell’intero territorio comunale.

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here