Come il Teatro Carlo Felice, anche l’Acquario di Genova ha ottenuto la Biosafety Trust Certification del Rina. Si tratta della prima struttura turistico-culturale al mondo ad aver terminato l’iter.

La nuova certificazione è stata ideata con l’obiettivo di prevenire e controllare il propagarsi delle infezioni e per tutelare la salute delle persone nei luoghi di aggregazione pubblici e privati.

Il certificato, che verrà consegnato venerdì 10 luglio all’Acquario di Genova dal presidente e a.d. del Rina Ugo Salerno al presidente di Costa Edutainment Giuseppe Costa, è stato emesso al termine delle attività di verifica sia documentale sia nelle unità operative, con cui la società di certificazione ha controllato la corretta applicazione delle norme e delle procedure previste.

Al fianco di Costa Edutainment in questo impegno che riguarda di riflesso tutta la città e il territorio, anche Pricewaterhouse Coopers, che ha supportato l’azienda nella finalizzazione del nuovo sistema di gestione.

La Biosafety Trust Certification

Si tratta di una certificazione volontaria nata per infondere fiducia sia al pubblico che ai dipendenti, oltre che alle figure tecniche che prestano i loro servizi all’interno delle strutture di Costa Edutainment come veterinari, biologi, tecnici e si applica alle attività svolte nell’ambito della missione culturale, didattica e di ricerca scientifica atta a sensibilizzare, educare e divulgare i temi di conservazione e gestione responsabile dell’ambiente, della scienza, della tecnologia e dell’arte.

L’iter di certificazione ha previsto sia la mappatura dei potenziali agenti patogeni all’interno dell’Acquario sia dei processi e degli ambienti esposti al rischio, indicando per ciascuno di essi i fattori di rischio diretti e indiretti associati. La nuova certificazione è applicata all’Acquario di Genova e alle strutture del Bigo e della Biosfera. Gli animali ospitati dall’Acquario sono considerati nel sistema come “parti interessate” del meccanismo di prevenzione delle infezioni per offrire anche a loro un ambiente sano.

Il successo dei sistemi di gestione della prevenzione di potenziali patologie causate da agenti biologici dipende anche dal comportamento umano. Lo schema richiede percorsi di formazione ad hoc sul rispetto rigoroso delle norme igieniche e di quanto previsto dal sistema di gestione nel contesto specifico e anche un forte impegno nella sensibilizzazione degli utenti al rispetto delle norme.

L’obiettivo di questo nuovo percorso di certificazione, che completa un percorso di tutela dei visitatori da sempre al centro dell’impegno dell’azienda, è fornire un quadro di riferimento di azioni volte a minimizzare i rischi di diffusione del contagio in luoghi, come può essere l’Acquario di Genova, che presuppongono la presenza in contemporanea di ampi flussi di persone.

Nei sistemi di gestione dell’Acquario di Genova erano già presenti procedure e protocolli specifici dell’attività acquariologica e veterinaria che definivano le best practice di riferimento per svolgere in sicurezza dal rischio infezioni le attività lavorative.

Lo schema prende in considerazione tutti gli aspetti delle attività che si svolgono all’interno delle strutture: dall’accoglienza del pubblico, al percorso tra le vasche, alla ristorazione sia presso il Tender Cafè che al ristorante Gusto a bordo e ancora alla gelateria esterna; sono considerati anche i negozi, le numerose attività didattiche e scientifiche, nonché la Biosfera ed il Bigo e tutti gli ambienti interni di lavoro sia amministrativi sia tecnici.

«Abbiamo intrapreso questo percorso – afferma Beppe Costa, presidente di Costa Edutainment – con la precisa intenzione di dare un segnale forte per mantenere la fiducia dei nostri utenti in questo momento difficile. Questo nuovo schema è finalizzato non solo a prevenire e controllare le infezioni, ma anche a fornirci di un ulteriore strumento di comunicazione, garantito da un ente terzo, rivolto al nostro pubblico su questo tema. Il nuovo protocollo di prevenzione del diffondersi del coronavirus, così come di altre infezioni, non prende in considerazione solamente le normative e le indicazioni ministeriali ma, come per le altre certificazioni, tende ad attuare misure per andare oltre le norme di legge».

Ugo Salerno, presidente e amministratore delegato Rina dichiara: «L’impegno dimostrato da Costa Edutainment nel perseguire questa certificazione è un chiaro indice del senso di responsabilità dimostrato nei confronti del personale e dei visitatori. Strutture come l’Acquario, il Bigo e la Biosfera sono una ricchezza per la città di Genova che, anche attraverso di essi, viene conosciuta nel mondo. È per questo motivo che la Biosafety Trust Certification ottenuta per queste strutture ha un valore aggiunto: non si tratta solo di aver fatto un gesto nei confronti delle persone che vi lavorano e di quelle che, visitandole, hanno la possibilità di arricchirsi culturalmente, ma nei confronti della città intera».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.