Si chiama “Tir -palcoscenico” ed è l’idea di teatro itinerante che caratterizzerà la Liguria in questa strana estate.

Oggi l’ncontro tra l’assessore regionale alla Cultura Ilaria Cavo, il direttore artistico del Teatro Nazionale di Genova Davide Livermore e in videocollegamento 40 Comuni, rappresentati da sindaci e assessori del territorio, che hanno condiviso l’iniziativa.

Un servizio culturale, quello presentato dal Teatro Nazionale in accordo con il Teatro Carlo Felice di Genova e con la collaborazione di Regione Liguria e del Comune di Genova, con cui ricomincerà la sua programmazione.

All’incontro ha portato i saluti anche il sovrintendente Claudio Orazi.

Il camion palcoscenico conterrà tutto il necessario per portare il teatro in giro per la Liguria: arriverà nel luogo scelto, si aprirà e magicamente svilupperà le scene, le luci, il suono per accompagnare attori e cantanti per un’estate 2020 diversa.

Dal 29 luglio al 6 settembre si alterneranno nelle varie serate proposte differenti e spettacolari sotto la direzione artistica di Davide Livermore, tra opere musicali e prosa, che animeranno i luoghi più suggestivi della Liguria e di Genova.

«Abbiamo sempre chiesto ai teatri che sosteniamo di uscire dalla sede genovese e proporre un servizio culturale in tutta la regione – dichiara l’assessore regionale alla Cultura Ilaria Cavo – ma quello di quest’anno è un progetto davvero innovativo per un’estate speciale: un’ importante iniziativa della cultura che si rimette in movimento dopo un periodo di lockdown e che si propone di viaggiare nella nostra regione sotto forma di prosa e di opera, grazie alla collaborazione di due teatri e all’entusiasmo già manifestato da tanti comuni liguri. Un progetto che sta prendendo forma per l’estate culturale ligure».

«Sarà una gioiosissima chiamata di attori e artisti che hanno fatto la storia, il presente e il futuro di questo territorio e di questo teatro – spiega il direttore artistico del Teatro Nazionale di Genova Davide Livermore – passato, presente e futuro si fonderanno insieme in un caleidoscopio di spettacoli: dalle letture, alle poesie, fino ai monologhi, in cui saranno rappresentate le forze artistiche liguri. Essere teatro pubblico vuol dire prendersi la responsabilità di raccontare che l’arte e la bellezza sono ovunque, che le eccellenze appartengono a tutti. È per questo che il Teatro Nazionale di Genova e il Teatro Carlo Felice collaboreranno su un progetto d’opera, messo a disposizione di un territorio che ha bisogno di cultura e bellezza per migliorare la qualità della vita».

Entro il 25 giugno i comuni interessati ad accogliere il tir palcoscenico potranno prendere contatto con il teatro Nazionale e manifestare il loro interesse in modo da concordare l’ospitalità e da stilare un calendario di date date e tappe che possa toccare tutta la Liguria, per un potenziale di una trentina di recite.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.