Utile a 421 mila euro contro i 51 mila dello scorso anno. Con un ros (return on sales) a +9.59, miglior performance di questi ultimi quattro anni. È quanto risulta dal bilancio 2019 di Spim, societa per la promozione del patrimonio immobiliare del Comune di Genova, approvati oggi dall’assemblea.

Nel triennio 2017/2019 sono state effettuate vendite di immobili per oltre 11 milioni, razionalizzate le partecipazioni societarie e la struttura finanziaria a sostegno degli investimenti, ridotto gli impegni finanziari del 31% nel triennio passando dai 113 milioni del 2016 ai 78 milioni del 2019.

«Grazie a questo lungo percorso di ristrutturazione e revisione, fortemente sostenuto dal Comune di Genova – sottolinea l’assessore al Bilancio, Pietro Piciocchi che ha rappresentato il Comune di Genova, socio unico della società, oggi in assemblea – Spim può considerarsi oggi finalmente in equilibrio finanziario ed economico. Un anno fondamentale, quello trascorso, che ha permesso di avviare la riconversione di aree fondamentali per lo sviluppo economico e turistico della città, a partire dal nuovo Waterfront di Genova, risolvendo le note criticità del passato. Ora possiamo guardare al futuro. Grazie a una convenzione della durata di 9 anni, rinnovabili per ulteriori 9, il Comune intende affidare a Spim la gestione di circa 1.500 unità immobiliari che comprenderà la manutenzione sia ordinaria che straordinaria, la conduzione dei contratti, la gestione dell’amministrazione di condominio, il recupero delle morosità”.

Con un capitale di oltre 102 milioni, Spim gestisce attualmente un patrimonio residuo di oltre 1000 unità abitative. Continuando a detenere e ammodernare immobili di particolare interesse, quali la Torre Nord, meglio nota come “Matitone” e il Mercato Ortofrutticolo di Bolzaneto che sono diventati in questi anni due simboli delle attività istituzionali ed economiche della città.

Stefano Franciolini, presidente e amministratore della società, aggiunge: «Nel corso dell’esercizio 2019 abbiamo proseguito il processo di razionalizzazione e riordino delle partecipate con la messa in liquidazione di Nuova Foce. Spim di conseguenza non detiene più alcuna società controllata operativa. Abbiamo concluso un ciclo svolgendo il ruolo di stazione appaltante per la vendita del Palasport, ora siamo pronti a valorizzare e gestire unità abitative ma pure complessi residenziali e culturali che il Comune ci ha già in parte affidato. In questi anni ci siamo imposti sul mercato immobiliare anticipando i tempi su formule innovative come il social housing, ristrutturando immobili come gli Archi che stanno creando nuovi spazi di insediamenti ad attività anche in centro città. I nuovi affidamenti che il Comune ci sta consegnando sono il riconoscimento della nostra capacità di gestire guardando all’interesse del tessuto economico e sociale della città. Le vendite nel 2020 dovranno tenere conto di un diverso rapporto tra gli spazi e le superfici. Questo significa innovare i moduli degli insediamenti da offrire alle imprese, ammodernare gli appartamenti rispetto alle nuove richieste che le famiglie hanno avanzato in questi mesi, puntare su nuove zone dell’entroterra genovese e attaccare nuovi segmenti di mercato. Per fine settembre saremo pronti con alcune proposte immobiliari che andranno a rispondere alle nuove richieste di locazioni brevi. Li gestiremo noi, ci proporremo come una società capace di garantire quell’ulteriore livello di sicurezza che i turisti chiedono ormai in tutte le città. Il Covid 19 ci ha costretto a creare nuovi percorsi di innovazione. Ma lo abbiamo sempre fatto».

I parametri positivi stanno conquistando l’attenzione delle banche disposte a supportare i diversi progetti in cantiere. «Questo – annuncia Piciocchi – permetterà di programmare interventi per il successivo quinquennio come il rifacimento della copertura del Mercato Ortofrutticolo di Bolzaneto dove proprio a fianco verrà realizzato nel 2021 il nuovo Mercato dei Fiori nell’area che il Comune aveva dato provvisoriamente a Cociv per le operazioni relative al Terzo Valico ; avvieremo inoltre l’adeguamento degli impianti della Torre Nord-Matitone proseguendo la strategia green che il Comune di Genova sta sviluppando negli immobili di proprietà, nonché nuovi interventi di social housing».

L’assemblea ha riconfermato il consiglio di amministrazione con Stefano Franciolini, presidente e amministratore delegato,  Federica Solimena e Natale Gatto come consiglieri.

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.