Vediamo quali sono le spese scolastiche ammesse alla detrazione.

Tasse a titolo di iscrizione e di frequenza e i contributi obbligatori.

I contributi volontari e le erogazioni liberali deliberati dagli istituti scolastici o dai loro organi e sostenuti per la frequenza scolastica. La mensa scolastica e i servizi scolastici integrativi quali l’assistenza al pasto e il pre e post scuola. Per tali spese, la detrazione spetta anche quando il servizio è reso per il tramite del comune o di altri soggetti terzi.

Gite scolastiche

L’assicurazione della scuola e ogni altro contributo scolastico finalizzato all’ampliamento dell’offerta formativa deliberato dagli organi d’istituto (corsi di lingua, teatro, ecc., svolti anche al di fuori dell’orario scolastico e senza obbligo di frequenza). Servizio di trasporto scolastico anche se reso per il tramite del comune o di altri soggetti terzi. La detrazione spetta al genitore a cui è intestato il documento che certifica la spesa. Se invece il documento che comprova la spesa è intestato al figlio, le spese devono essere ripartite tra i due genitori nella proporzione in cui le hanno effettivamente sostenute. Se uno dei due coniugi è fiscalmente a carico dell’altro, quest’ultimo può considerare l’intero ammontare della spesa.

Vale sempre il principio di cassa, quindi si detrae quanto pagato nell’anno di imposta.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.