Il tema degli affitti commerciali è stato trattato anche nel corso degli Stati Generali a Villa Pamphilj: secondo Giorgio Spaziani Testa, presidente di Confedilizia, e Vincenzo Nasini, presidente di Ape Confedilizia Genova e vicepresidente nazionale, è necessario sostenere locatario e locatore per salvare l’intero settore commerciale. In particolare, proprio in una realtà come quella della città di Genova e di tutta la riviera di Levante.

Spiega Nasini, intervenuto sul tema nel corso di una diretta online: «Occorre un potenziamento del credito d’imposta del 60 per cento previsto dall’articolo 28 attraverso un incremento delle mensilità interessate (attualmente circoscritte a marzo, aprile e maggio). L’esperienza di queste prime settimane dopo la riapertura, dimostra perfettamente come la ripresa delle attività sia molto rallentata. Urgente, inoltre, emanare il previsto provvedimento dell’Agenzia delle entrate per consentire la cessione del credito, in primis al locatore».

È stato il decreto Rilancio, all’articolo 28, a prevedere un “credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda”. Nello specifico: “Per contenere gli effetti negativi derivanti dalle misure di prevenzione e contenimento connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19”.

Il credito si applica ai soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro con un credito d’imposta nella misura del 60 per cento dell’ammontare mensile del canone di locazione, di leasing o di concessione di immobili (compreso quelli di interesse turistico ). Il credito d’imposta sui negozi può coprire anche oltre i tre quarti dell’imposta immobiliare.

«Il credito d’imposta è comunque una misura finalizzata ad attenuare le difficoltà nel periodo più critico. C’è bisogno di interventi per accompagnare la ripresa, come la riduzione della tassazione sui redditi da locazione, la cui gravosità rappresenta un ostacolo decisivo allo sviluppo delle attività commerciali. La via maestra, per raggiungere questo obiettivo, è prevedere una cedolare secca per tutti i contratti di locazione a uso non abitativo. In alternativa, potrebbe essere introdotta – in analogia con quanto efficacemente in essere per gli affitti abitativi “concordati” – una cedolare del 10 per cento, accompagnata da un abbattimento del 25 per cento dell’Imu, in caso di riduzione del canone del 20-25 per cento rispetto a quello previsto in contratto. È indubbio che le attività economiche si salvano se si salvaguardano le imprese e le famiglie che svolgono l’importantissima funzione economica e sociale dell’affitto», conclude Nasini.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.