Le dichiarazioni del ministro delle Finanze tedesco Olaf Scholz, che ha definito proporzionato il Qe della Bce e il balzo dell’indice sulla fiducia nell’andamento dell’economia hanno spinto le borse europee, tutte in positivo al termine della giornata. Londra segna +1,1%, Francoforte +1,2%, Parigi +0,7% dopo i risultati delle elezioni municipali in cui il partito del presidente Macron ha avuto un risultato molto negativo. Milano ha chiuso le contrattazioni con Ftse Italia All Share +1,57% e Ftse Mib +1,69%. Poco mosso lo spread Btp/Bund, attestato su 180 punti-0,63%

A Piazza Affari brillano Banco Bpm (+6%), UniCredit (+4,4%), Nexi (+3,5%) dopo il via libera di Bruxelles all’acquisizione delle attività di Intesa Sanpaolo sui servizi legati alle carte di pagamento. Fuori dal listino principale buona performance di Mps (+3,3%), in attesa del cda straordinario sullo scorporo dei crediti problematici, e Cattolica (+8%), dopo il via libera dei soci all’aumento di capitale da 500 milioni che permettera’ l’ingresso nell’azionariato delle Assicurazioni Generali.

Sul mercato valutario, l’euro è in rialzo a 1,1245 (da 1,123 di venerdì sera), euro/yen a 121,138 (120,73), dollaro/yen a 107,73 (da 107,29).

In aumento anche il prezzo del petrolio, con il Wti contratto di consegna ad agosto che vale 39 dollari (+1,3%) e il Brent stesso mese a 41,4 dollari (+0,8 per cento).

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.