Anche l’ospedale San Martino di Genova prende parte al progetto di Philips e Pfizer “Vicini di Salute”, attivato per il secondo biennio consecutivo.

Il programma conferma gli obiettivi della fase 1 avviata nel 2018: migliorare la continuità assistenziale, potenziare le cure domiciliari mantenendo costante il monitoraggio delle condizioni cliniche e utilizzare tecnologie innovative di telemedicina per supportare in maniera continuativa il paziente lungo tutto il percorso di cura.

Il monitoraggio a distanza si rivela uno strumento adeguato ed efficace soprattutto in un momento come questo di emergenza per il sistema sanitario italiano, alleviando le possibili criticità di assistenza per coloro che necessitano di controlli e cure in modo continuativo: i pazienti cronici e oncologici.

Una conferma, quella dell’azienda ospedaliero-universitaria Sant’Andrea di Roma sul fronte dell’artrite reumatoide a cui si aggiunge la colite ulcerosa, e molte novità tra le strutture sanitarie coinvolte e le patologie trattate. Tra i nuovi ingressi nel progetto c’è proprio l’ospedale San Martino di Genova che, insieme all’azienda ospedaliero universitaria Federico II Napoli, seguirà i soggetti affetti da acromegalia. Tra le nuove aree terapeutiche, quella oncologica: l’azienda ospedaliero Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino e il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma si occuperanno dei pazienti con tumore metastatico alla mammella. L’Usl Toscana Centro è invece coinvolta per il monitoraggio di pazienti con fibrillazione atriale.

«Le soluzioni di tele-assistenza e monitoraggio da remoto − afferma Simona Comandè, General Manager di Philips Italia, Israele e Grecia − si stanno dimostrando lo strumento più evoluto ed efficace per consentire l’apertura di nuove opportunità verso sistemi sanitari sostenibili ed efficienti: lo evidenziavano lo scorso anno i risultati ottenuti dal progetto Vicini di Salute, lo impone oggi l’emergenza internazionale che siamo chiamati ad affrontare. Sono orgogliosa di confermare l’impegno condiviso di Philips e Pfizer nel realizzare un progetto che mette il digitale al centro e rappresenta un esempio virtuoso e tangibile di rete sanitaria connessa, in grado di coinvolgere tutti gli attori del sistema, dai pazienti, agli operatori sanitari fino ai caregiver: questo significa fare sistema e migliorare concretamente la vita delle persone».

Per Paivi Kerkola, amministratore delegato di Pfizer in Italia, «il progetto Vicini di Salute conferma che l’innovazione tecnologica può contribuire a rafforzare l’assistenza sanitaria sul territorio attraverso un modello che mette al centro il paziente. La telemedicina, attraverso la gestione da remoto e inserita in un contesto strutturato di percorso, garantisce al paziente cronico una costante attenzione e le migliori cure; contemporaneamente, la struttura sanitaria può offrire un servizio più personalizzato ed efficace. Vicini di Salute, nato due anni fa dalla partnership tra Pfizer e Philips e che oggi si estende a nuove aree e patologie, come l’oncologia e la colite ulcerosa, è un modello vincente perché ha messo in evidenza che, grazie alla collaborazione di tutti, è possibile migliorare la presa in carico dei pazienti, pur cogliendo la sfida alla sostenibilità rappresentata da invecchiamento della popolazione, crescente aumento delle patologie croniche e scarsità di risorse. Non solo, spostando il fulcro dell’assistenza dall’ospedale al territorio può alleggerire la pressione esercitata dagli accessi negli ospedali, oggi più che mai necessaria come dimostrato dall’emergenza Covid-19».

A circa 2 mesi dall’avvio del progetto, arrivano i primi dati elaborati dal Politecnico di Milano: tra gli oltre 100 pazienti a oggi coinvolti, si registra un atteggiamento positivo verso l’utilizzo del sistema di telemedicina, come dimostra la frequenza di accesso, coerente con le attività a loro richieste. I pazienti compilano i questionari inviati con tassi di risposta anche del 90% e, grazie al reminder periodico che permette loro di non dimenticare l’assunzione della terapia, si registra un’elevata aderenza terapeutica, pari a circa il 95%.

«Molti clinici − afferma Paolo Locatelli, responsabile scientifico dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano − hanno evidenziato l’importanza di poter disporre di un canale digitale che consenta loro di mantenere una relazione con il paziente, a maggior ragione nell’attuale situazione di emergenza. I risultati preliminari confermano come le soluzioni digitali in sanità siano ben accette non solo dai pazienti, ma anche dal personale sanitario e possano svolgere un ruolo cruciale nel migliorare la continuità di cura».

Confermati quindi fin qui gli ottimi i risultati ottenuti dal progetto pilota avviato nel 2018: su tutti la compliance medico-paziente con un’aderenza alla terapia a quota 98%. Le persone avevano espresso soddisfazione rispetto all’esperienza di cura supportata da dispositivo mobile (punteggio 8,2 su 10) e i medici avevano apprezzato in particolare la facilità di accesso alle informazioni sul paziente (punteggio 4,7 su 5).

La soluzione

Basato sulla condivisione di informazioni e dati tra medico e paziente attraverso un dispositivo digitale, il programma di tele-assistenza Philips-Pfizer permette ai pazienti di essere costantemente collegati con il medico e ricevere avvisi e promemoria rispetto all’aderenza alla terapia e al follow-up, alle richieste di monitoraggio dei parametri vitali, oltre a messaggi motivazionali.

Il medico è così in grado di avere sotto controllo le condizioni del paziente e può intervenire in caso di necessità. Ed è proprio questa la duplice anima al centro del progetto: da un lato la formazione continua del personale della struttura sanitaria, che può monitorare costantemente il paziente a carico, dall’altra la responsabilizzazione del paziente che, grazie all’utilizzo di tecnologie innovative e integrate, migliora la propria esperienza di cura grazie alla vicinanza costante con il medico e a un maggior coinvolgimento nel proprio percorso di gestione della malattia.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.