Un’ampia area del centro storico, da via San Giorgio fino a Ponte Calvi, sarà controllata dagli occhi elettronici. La giunta del Comune di Genova ha approvato il progetto definitivo del sistema di videosorveglianza a Sottoripa, Caricamento e via Turati. Questo passaggio permette di bandire la gara entro poche settimane e di vedere installato l’impianto nell’arco dei prossimi mesi.

In tutto si tratta di 29 telecamere, undici delle quali a un solo obiettivo, a cui se ne aggiungono 4 multiottiche, ciascuna dotata di quattro obiettivi, e due Ptz, ovvero di modalità Pan-Tilt-Zoom, con l’operatore che da remoto può girare l’inquadratura e zoomare.

Il costo dell’operazione è di 82.267 euro e i fondi sono stati stanziati dal ministero dell’Interno.

Sottoripa e Caricamento finora erano prive di videosorveglianza, fatta eccezione per le otto telecamere installate l’anno scorso grazie al progetto più complessivo di rigenerazione urbana “SottoRiparte”, che ha riguardato tra l’altro la riqualificazione di volte, insegne, arredi urbani e intonaci.

«Il progetto approvato va a completare l’opera già iniziata l’anno scorso con la riqualificazione di Sottoripa, serve per dare sicurezza e un restilyng all’area antistante al porto antico, che è una zona fortemente turistica – sottolinea l’assessore alla Sicurezza Stefano Garassino – l’obiettivo è di migliorare la sicurezza e la vivibilità, garantendo a commercianti, residenti e ai tanti turisti di poter girare tranquilli in tutta la zona. I fondi per il progetto arrivano dal decreto sicurezza».

Sono 602 attualmente le telecamere installate a Genova, 226 delle quali nel 2019 e, in previsione, almeno un altro centinaio arriveranno nel corso 2020: le più recenti installazioni sono avvenute nei giardini Cavagnaro a Staglieno, con ulteriori quattro telecamere, e nell’area via San Vincenzo, con altre cinque.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.