La corsa alla mascherina obbligatoria fuori casa, come presupposto del passaggio alla “Fase 2” di progressiva e controllata riapertura, è partita. Una risposta a questa necessità arriva anche dalle aziende liguri, in particolare da quelle spezzine: in molte si sono da subito attivate per riconvertire la propria produzione.

«Abbiamo diverse imprese che da subito si sono applicate per realizzare mascherine, per lo più adatte alla popolazione comune − spiega Pasquale Cariulo, referente di Cetus Cna − ma alcune aziende si stanno attivando per effettuare i test sulla capacità di filtraggio per poter realizzare quelle chirurgiche. Ricordiamo che per le mascherine chirurgiche serve l’approvazione dell’Istituto Superiore della Sanità e che solo dopo aver fatto un test con buon esito, tramite l’invio della documentazione e della autocertificazione, è consentita questa definizione. Per aiutare le imprese in questo processo certificativo è stato attivato un canale convenzionato con lavoratori accreditati. Le mascherine FFP Dpi devono essere invece essere approvate dall’Inail. Naturalmente i nostri uffici sono a disposizione delle aziende per informazioni e supporto. Siamo in contatto anche con la task force regionale legata proprio alla semplificazione di questi passaggi per le imprese».

Si sono messe da subito al lavoro le tappezzerie: «Abbiamo realizzato più di 400 mascherine in stoffa di cotone lavabile e dotate di elastici − spiega Paolo Bertelotti, titolare di una tappezzeria in piazza Garibaldi, alla Spezia − Le abbiamo donate ai vigili urbani, alle cassiere dei supermercato e anche a persone in difficoltà. Ora abbiamo finito il materiale per realizzarle e ci siamo fermati».

«Attendiamo il permesso per poter vendere i nostri prodotti ai cittadini, ma siamo pronti − racconta Gregorio Baldassini, titolare dell’omonima tappezzeria − Realizziamo una mascherina di tessuto non tessuto a doppio strato con elastico e naturalmente prevediamo diversi prezzi a seconda della quantità acquistata. Nessun scopro di lucro, solo il rientro delle spese del materiale».

Al lavoro anche la tappezzeria Maggiani: «Realizziamo mascherine in tessuto non tessuto con elastici e ci stiamo organizzando per poter avere le autorizzazioni alla vendita», descrive Edoardo Maggiani.

Anche le sarte lavorano con la propria macchina da cucire a pieno ritmo, come raccontano Anna Maria Corrieri e Patrizia Padovese: «Abbiamo preso a modello una mascherina realizzata a Hong Kong per la tutela della popolazione comune in cotone lavorato in modo particolare. Viene accompagnata con dei consigli per il lavaggio e ha tre diverse versioni: da uomo, donna e bambino. Essendo fatte a mano riusciamo a fare al massimo un’ottantina di pezzi al giorno».

La tecnologia e la condivisione è alla base del progetto di realizzazione di mascherine chirurgiche e altre dotazioni utili a livello sanitario da parte dell’unione di imprese Mulattieri Creations, Gd Grafiche, Superfici srl e altre realtà di stamperie 3D del territorio: «Abbiamo realizzato le prime mascherine in tnt in via solidale e non sono ancora in vendita − dice Massimo Mulattieri − Attendiamo l’esito del test in merito alla capacità di filtraggio e resistenza per riuscire a certificare la nostra produzione di mascherina chirurgica».

Anche Gd Grafiche è all’opera: «Realizziamo i tagli del tessuto non tessuto per le mascherine − aggiunge l’impiegato della ditta sarzanese Marco Giannetti − e forniamo la pellicola d’acetato utile a completare le visiere di protezione in plastica trasparente che per il personale sanitario rappresenta una barriera utile e sicura. Poi stampiamo i buoni pasto consegnati in questi giorni dai comuni a chi ne ha necessità e diritto». Stamperie 3D si occupa poi di realizzare ulteriori pezzi per assemblare la mascherina finale.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.