Il Comune di Cogorno si predispone a erogare buoni-acquisto per generi alimentari e prodotti di prima necessità alle persone, che abbiano perso, in tutto o in parte, il proprio reddito in conseguenza della situazione economica conseguente alla emergenza covid-19. L’amministrazione comunale, inoltre, ha destinato una somma di 2 mila euro, alla Caritas Inter parrocchiale della Zona Pastorale di San Salvatore-Cogorno per l’acquisto e la distribuzione di generi alimentari e di prima necessità nelle urgenze.

Si tratta di blocchetti di buoni spesa consegnati direttamente dal Comune di Cogorno per essere usati come mezzo di pagamento presso gli esercizi commerciali che aderiscono alla iniziativa e il cui elenco è pubblicato sul sito internet del Comune (e riportato di seguito).

I buoni non danno diritto ad acquistare sostanze superalcoliche, non sono cedibili, non danno diritto al resto, e hanno una validità predefinita con scadenza entro il 30 aprile 2020.

Oggi, a Cogorno, gli esercizi commerciali in cui si potrà spendere i buoni sono:

– ANTICHI SAPORI PANIFICIO – Corso Risorgimento 114;
– BASKO – Corso IV novembre 149;
– CAFFE’ GARIBALDI Srl – Via della Fea 5;
– CARACAS Caffè – Corso Risorgimento 64;
– CHIAPPE RENATO – Piazza Caduti per la Libertà 36;
– CORUZZI ROBERTO E MILVIA – Corso IV Novembre 76;
– FARMACIA DEI FIESCHI – Via IV Novembre 80;
– GIANELLO CARNI –  Via A Gramsci 2;
– OLIVICOLTORI SESTRESE COOPERATIVA – Corso XXV Aprile 211;
– ORTOFRUTTA DI FABIO E MARINA  – Via Divisione Coduri 3;
– ORTONADIA – Corso IV Novembre 185;- PANIFICIO SANGUINETI VALERIO – Via Divisione Coduri 154;
– PIOMBO E MONTINARO – PANIFICIO – Corso IV Novembre 69;
– VILMA E SANDRO ALIMENTARI – Via Divisione Coduri 45.

Ad averne diritto, i residenti nel Comune Cogorno, che per effetto della emergenza Covid 19 si trovino nella impossibilità di far fronte al fabbisogno alimentare di se stessi e del proprio nucleo familiare e che si trovino in una delle seguenti condizioni: lavoratori dipendenti di aziende private la cui attività sia stata ridotta o sospesa oppure lavoratori autonomi e liberi professionisti che abbiano subito la chiusura o la restrizione della propria attività. Ancora, il buono è diretto a lavoratori stagionali impossibilitati a riprendere il lavoro o persone prive di reddito e impossibilitate ad avviarsi ad attività lavorativa.

A livello economico, il contributo sarà così destinato e suddiviso:

  • Nuclei familiari con 1 solo componente, buono pari ad € 100;
  • Nuclei familiari con 2 componenti, buono pari ad € 200;
  • Nuclei familiari con 3 componenti, buono pari ad € 250;
  • Nuclei familiari con 4 componenti, buono pari ad € 300;
  • Nuclei familiari con 5 componenti, buono pari ad € 350;
  • Nuclei familiari oltre i 5 componenti, buono pari ad € 400.

Per ricevere i buoni spesa è necessario compilare la domanda, che si baserà su un’autocertificazione, pubblicata e scaricabile sul sito web del Comune di Cogorno.

La domanda deve essere inviata ai SERVIZI SOCIALI via email: servsociali@comune.cogorno.ge.it.

Nel caso in cui la persona interessata sia totalmente impossibilitata ad usare la modalità digitale è possibile contattare l’ufficio Servizi Sociali del Comune, che aiuterà il cittadino a compilarla, rivolgendosi ai seguenti numeri telefonici:
tel. 0185/385762 – 0185385761 – Comune di Cogorno Ufficio Servizi Sociali   (Dal LUNEDI’ al SABATO dalle ore 8,00 alle ore 13,00).
Collaborano al progetto la Caritas Inter Parrocchiale della Zona Pastorale di San Salvatore-Cogorno (via telefono nei giorni di Martedì e giovedì dalle 9:30 alle 11:30 al numero   3388984712), la Croce Rossa Italiana Comitato di Cogorno (via telefono da lunedì a sabato dalle 14 alle 19 al numero   0185 384525).
Per informazioni si potrà inoltre contattare i servizi sociali di Ambito Territoriale (ATS.56) dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 12.00, telefono 0185 365360 o 0185365395.
Le domande presentate telefonicamente, verranno perfezionate con la sottoscrizione del modulo, al momento della consegna del buono spesa. I Servizi Sociali valuteranno le richieste pervenute.

La consegna a domicilio dei buoni spesa si avvarrà della collaborazione della Protezione Civile del Comune di Cogorno, che provvederà alla distribuzione dei buoni, consegnandoli a casa dei beneficiari. Si valuteranno, in base alle richieste presentate, eventuali altre modalità di consegna.

«In primo luogo saranno prioritariamente prese in carico le istanze di persone che al momento della domanda non sono assegnatarie di altro sostegno pubblico – ha chiarito l’assessore ai servizi sociali Giorgina Ines Zaccaron – Le procedure e le modalità attuative del DPCM 29 marzo 2020 sono state da subito condivise con l’ambito territoriale sociale 56 costituito dai comuni di Chiavari, Carasco, Cogorno, Leivi e San Colombano Certenoli».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.