Il servizio di raccolta rifiuti a Ceriale è ufficialmente passato alla Sat spa. Come stabilito nelle delibere di giunta e consiglio comunale (con l’acquisto delle quote societarie), quindi, l’amministrazione volta pagina nella gestione dei rifiuti: addio ad Energetikambiente, soggetta a numerose sanzioni erogate dal Comune per le inadempienze rispetto al capitolato d’appalto.

L’amministrazione ha inoltre ottenuto la cosiddetta clausola sociale, ovvero i dipendenti che hanno operato nel territorio cerialese sono stati riassorbiti dalla stessa Sat. In tutto sono 17 gli addetti coinvolti.

La raccolta rifiuti non subirà sostanziali cambiamenti per i cittadini cerialesi: un sistema misto che integra la raccolta porta a porta e la raccolta di “prossimità”, mentre cambierà da parte dell’azienda l’organizzazione del servizio, ottimizzando alcuni aspetti della raccolta medesima e dello spazzamento: attenzione al decoro urbano, con lavaggio strade, sfalcio d’erba e taglio bordi stradali. Per ora il centro comunale di raccolta, a causa dell’emergenza coronavirus, resterà chiuso fino a nuove disposizioni.

La Sat sarà operativa nel territorio cerialese fino a quando non sarà definita la gestione integrata dei rifiuti a livello provinciale, che dovrebbe partire da gennaio 2021, nell’ambito di un affidamento in house che consentirà il mantenimento del controllo pubblico.

L’importo dell’appalto è di 132.347 euro (compresa Iva) al mese e la durata è da oggi a fine anno.

«Purtroppo con lo stato di emergenza sanitaria e le misure restrittive in corso non è stato possibile pianificare gli incontri specifici da parte di Sat con la cittadinanza. Sono state inviate le lettere ai cittadini, con relativa documentazione, per spiegare forme e modalità di ingresso della nuova società nella gestione dei rifiuti e sulle modifiche nel servizio complessivo, speriamo, passata la situazione attuale, di avviare gli incontri che erano stati previsti», afferma l’assessore comunale all’ambiente Eugenio Maineri.

La Sat metterà in campo un parco mezzi adeguato, un restyling dei centri di raccolta e delle stesse isole ecologiche: «Confidiamo nella massima collaborazione dei cittadini nonostante il forte momento di disagio, anche perché in prospettiva ci saranno indubbi vantaggi per la comunità cerialese», aggiunge l’assessore.

Il nuovo servizio punta a risolvere qualche criticità che in passato hanno riguardato le aree condominiali e la raccolta porta a porta in alcune zone cittadine. «Siamo certi che la nuova gestione porterà anche un aumento sensibile della raccolta differenziata, uno degli obiettivi del nostro mandato amministrativo», conclude Maineri.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.