Da domani, sabato 4 aprile, il reparto di Pneumologia dell’ospedale di Imperia sarà operativo anche all’ospedale di Sanremo con 18 posti letto. La decisione è stata adottata da Asl 1 nell’ambito dell’emergenza Coronavirus, per garantire il miglior supporto clinico ai pazienti e gestire la complessità respiratoria dei malati covid-19.

Il reparto, diretto da Claudio De Michelis, proseguirà la sua attività in questo modo:

All’ospedale di Imperia attraverso l’area respiratoria (14 posti letto al piano terra e 16 posti letto al 3° piano della palazzina B).

Il reparto al piano terra, allestito in collaborazione con il pronto soccorso e la rianimazione, è dedicato ai pazienti che presentano sintomi respiratori acuti e devono essere sottoposti a trattamento intensivo e monitoraggio diagnosi per confermare o escludere l’infezione da Covid-19.

Il terzo piano è seguito da un’altra equipe infermieristica. Alle attività cliniche partecipano anche i medici della Medicina interna, della Nefrologia, della Neurologia e delle varie specialità chirurgiche dell’ospedale. Le attività pneumologiche non legate alla emergenza Covid sono mantenute all’interno del presidio di Imperia.

Al 1° piano dell’ospedale di Sanremo verranno allestiti ulteriori 18 posti letto a supporto del presidio ospedaliero. I pazienti saranno seguiti da un’equipe multidisciplinare da pneumologi, cardiologi e otorinolaringoiatri. Questa operazione permetterà un miglior recupero in termini di riabilitazione respiratoria per i pazienti più gravi che attualmente sono ancora ricoverati in terapia intensiva.

«Continua l’operazione di riorganizzazione di Asl 1 per far fronte in modo ottimale all’emergenza coronavirus e dare la migliore risposta possibile ai nostri cittadini – afferma il direttore generale dell’Asl 1 Marco Damonte Prioli – ringrazio tutto il personale che con grande professionalità è impegnato nell’assistenza e nella cura dei pazienti».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.