I pescatori stagionali sono una delle categorie dimenticate dai decreti “Cura Italia”. Questa la denuncia della Flai Cgil di Genova, la categoria che segue alimentaristi, agricoltori, panettieri e anche pescatori. Flai Genova ha interessato la segreteria nazionale della categoria che si sta attivando per porre l’attenzione su questo vuoto normativo.

Il caso di partenza riguarda un gruppo di circa 35 persone assunte (come tutti gli anni) dal 15 marzo alla fine di settembre per la pesca alla lampara delle acciughe con contratto a termine per il personale dipendente imbarcato su natanti di cooperative di pesca marittima.

La pesca con la lampara dell’acciuga è attuata a Sestri Levante, a Genova, alla Spezia, a Piombino e in Sicilia. L’età media dei lavoratori è attorno ai 40-45 anni, ma ci sono anche persone di 30 e di quasi 60 anni che oggi hanno il problema reale di arrivare a fine mese. In media ci sono 12 pescatori per barca.

L’attività è stata sospesa perché gli armatori non hanno potuto imbarcare i pescatori: a bordo dei battelli non possono essere rispettate le norme di distanza interpersonale previste dal protocollo emanato in relazione al Covid19.

«Per noi – spiega Laura Tosetti, segretario generale della Flai Cgil Genova – l’applicazione del protocollo sulla sicurezza deve essere garantita scrupolosamente per tutti i lavoratori. Per tutti i pescatori stagionali si apre però un problema molto grave: sono senza lavoro ma, a differenza di altre categorie di lavoratori, sono anche senza coperture del “Cura Italia” che, quindi, ha dimenticato, tra gli altri, quelli come loro».

Il decreto per esempio prevede già che ad alcuni lavoratori dipendenti stagionali (turismo, stabilimenti termali, agricoltura) per marzo sia riconosciuta un’indennità di 600 euro, erogata dall’Inps.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.