«Troppi liguri si recano ancora alle poste e per di più di senza motivi urgenti. Nonostante i divieti imposti dal recente decreto legge, volti a contenere la diffusione dell’epidemia di Coronavirus rileviamo un costante afflusso della clientela presso gli sportelli degli Uffici Postali che al momento restano aperti al pubblico». È l’allarme lanciato da Claudio Donatini, segretario regionale Cisl Liguria.

«Si rischiano – avverte Donatini – multa e denuncia. In moltissimi casi l’afflusso di clienti è motivato dallo svolgimento di attività e operazioni che nulla hanno a che fare con il carattere di urgenza e inderogabilità previsti dal decreto governativo come valide motivazioni di uscita dal proprio domicilio. E pertanto, si tratta di violazioni di legge, punibili con multa di 206 euro e denuncia penale».

Il segretario di Cisl Liguria precisa: « ci si può recare allo sportello per ritirare la pensione se non si possiede il Bancoposta. Possono essere ritirate raccomandate o altra corrispondenza in giacenza presso gli uffici. Si possono spedire corrispondenza e pacchi a carattere di urgenza. È invece vietato pagare bollette che hanno una scadenza non prossima (praticamente tutte considerando che la tempistica è stata differita in avanti da tutti gli operatori, pubblici e privati, che erogano servizi). Non ci si può recare agli sportelli postali per avere informazioni su prodotti finanziari. E comunque, nel dubbio, meglio telefonare prima all’ufficio postale per capire se il servizio richiesto può essere rimandato o soddisfatto online»

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.