È stata consegnata alla Regione Liguria, oggi a Genova, la “nave ospedale” che la compagnia di navigazione Gnv (Gruppo Msc), e il Rina ha approntato per il sistema sanitario regionale, trasformando la M/n Splendid in una struttura pienamente attrezzata per fornire assistenza ai pazienti affetti da Covid-19 e alle persone, in fase di dimissione ospedaliera, tenute a trascorrere un periodo in strutture controllate prima di rientrare nelle proprie abitazioni. Sarà operativa da lunedì con i primi 25 posti. La nave è stata donata gratuitamente.

La compagnia del Gruppo Msc ha iniziato a lavorare al progetto insieme al Rina sin dal manifestarsi dell’emergenza, due settimane fa, in stretto coordinamento con il Sistema Sanitario Regionale e con la Protezione Civile, per definire una soluzione implementabile in brevissimo tempo e in grado di assistere centinaia di potenziali pazienti, aumentando così la capacità ospedaliera della Regione Liguria e, ove necessario, di altre aree del Paese. Al fine di rendere il progetto disponibile al più presto, Gnv ha sostenuto, insieme ad alcuni partner, gli investimenti di trasformazione e di allestimento della nave. Con l’obiettivo di rispondere tempestivamente all’emergenza sanitaria e di consentire, nel frattempo, la valutazione di soluzioni alternative, la nave è stata messa nella disponibilità della Regione Liguria al valore simbolico di 1 euro fino al termine del periodo di emergenza dichiarato dal governo lo scorso 9 marzo.

La consegna della nave è avvenuta oggi, nel porto di Genova, alla presenza del governatore della Regione Liguria, Giovanni Toti, del sindaco di Genova, Marco Bucci, del presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, Paolo Emilio Signorini, dell’amministratore delegato di Gnv, Matteo Catani, dell’amministratore delegato del Rina, Ugo Salerno, e degli esponenti degli altri organismi e autorità coinvolti.

Il progetto messo in campo ha un elevato livello di flessibilità e di scalabilità, e può essere adeguato velocemente all’andamento della crisi sanitaria in atto. M/n Splendid è stata attrezzata a tempo record – in meno di una settimana – per fronteggiare una situazione di emergenza. Per questo è inizialmente in grado di offrire 25 posti letto in cabine singole, anche se è possibile attrezzare in breve tempo ulteriori cabine fino a raggiungere un totale di 400 posti letto.

La validazione del progetto è avvenuta in seguito alle verifiche condotte dal sistema sanitario ligure e dalla Protezione Civile, che hanno accertato che la M/n Splendid, a seguito dei lavori di adeguamento, presenta tutte le caratteristiche per svolgere le funzioni richieste, a partire dal pavimento, che è passato da moquette a linoleum sanitario.

In particolare, oltre alla presenza di un’infermeria con posti letto e strumentazione di primo soccorso, la nave consente l’isolamento delle singole cabine, tutte provviste di bagno privato e configurate ora anche con aerazione esterna totalmente indipendente. Le cabine sono state dotate, inoltre, di televisione e di connessione Internet per rendere la degenza il più confortevole possibile.

Sul fronte dell’alimentazione, le aree di ristorazione presenti a bordo permettono la somministrazione dei pasti nel rispetto delle distanze di sicurezza previste dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri. Insieme alle cabine sono state predisposte alcune aree separate, dedicate al personale sanitario e all’equipaggio, organizzate in modo da garantire standard idonei, comfort e flessibilità di utilizzo. In caso di necessità, la configurazione della M/n Splendid consente l’ulteriore ampliamento del progetto grazie all’allestimento di unità di rianimazione e di terapia intensiva con unità modulari negli hangar della nave; luoghi facilmente accessibili, e carrabili anche per i mezzi di soccorso, dunque particolarmente adatti a essere utilizzati come ospedale da campo.

«Siamo la prima Regione – dichiara Toti – ad aver individuato e attrezzato su tutto il territorio le strutture idonee ad ospitare sia persone in ‘dimissione protetta’ dagli ospedali, per un periodo di convalescenza prima di tornare al proprio domicilio, sia persone che devono effettuare la quarantena in totale isolamento. Sono già operative altre due strutture in Liguria: l’ex ospedale Falcomatà della Spezia e la Rsa di viale Cembrano a Genova. Da lunedì la nave sarà operativa con i primi 25 posti e sarà operativa anche la Scuola di Polizia Penitenziaria di Cairo. Uno sforzo immane per far fronte all’emergenza e fornire un sostegno ai nostri ospedali che potranno dimettere coloro che hanno superato la fase acuta della malattia per accogliere chi ne ha bisogno».

Nel 2017 Gnv ha partecipato a un progetto analogo in occasione dell’emergenza umanitaria provocata ai Caraibi dall’uragano Maria, affiancando diverse istituzioni – tra cui l’Ente Federale per la Gestione delle Emergenze (Fema), l’agenzia federale statunitense corrispondente alla Protezione Civile italiana – con l’allestimento, negli hangar carrabili di una delle proprie navi, di un presidio poliambulatoriale complesso dotato di sale multiple, impianto condizionamento e sistema antincendio indipendente.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.