Seppie e carciofi è un piatto tipico della tradizione ligure. In genere molluschi e verdure vengono tagliati a strisce e cotti insieme e il risultato è una sinfonia di sapori e profumi. Con seppie non troppo grosse è possibile una variante meno praticata che perde la complessità fascinosa della ricetta base ma esalta i due ingredienti principali. Vediamola.

Ingredienti per quattro persone: 4 seppie da 150-200 grammi l’una,  6 carciofi,  un limone,  olio extravergine ligure,  vino bianco,  sale,  pepe bianco,  prezzemolo.

Procedimento

Pulite le seppie, estraendo l’osso, gli occhi e la vescica interna che contiene la parte nera. In una casseruola portate a ebollizione un litro d’acqua con un dl di vino bianco e il sale necessario e immergetevi le seppie. Fate cuocere a fuoco basso i molluschi per una ventina di minuti.

Intanto pulite i carciofi, privateli della parte alta, delle foglie esterne e della parte dura alla base, vicino al gambo. Asportate dai gambi la parte esterna, verde e legnosa, e tenete quella interna, tenera e bianca. Lasciate carciofi e gambi su cui non state lavorando in acqua acidulata con il limone spremuto. Tagliate i carciofi in due, asportate l’eventuale “fieno” o “barba” e buttatelo via, e tagliate ancora carciofi e gambi in pezzi uguali, lunghi circa tre centimetri. Fate saltare la verdura a pezzi in un tegame appena unto con olio d’oliva extravergine – meglio se ligure, di oliva taggiasca – per dieci minuti circa. Salate e pepate.

Disponete in ogni piatto la seppia al centro e intorno, a corona, i carciofi. Versate sulla seppia un filo d’olio crudo e sui carciofi un po’ di prezzemolo tritato. Servite il piatto caldo, accompagnato con Ormeasco di Pornassio Sciac-trà.

Placet experiri!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.