Favorire lo sviluppo economico del territorio genovese, attraendo imprese hi-tech di livello nazionale e internazionale che abbiano intenzione di investire e innovare in Liguria il proprio business. È questo l’obiettivo nel medio termine di C1A0 Expo2020, la fiera dedicata all’intelligenza artificiale che avrà come tema della seconda edizione l’innovazione tecnologica al servizio del cambiamento climatico.

«È il kick-off meeting del secondo round del progetto C1A0 Expo, che l’anno scorso ha avuto un grandissimo successo. Genova ha un tessuto molto fertile, come attenzione al mondo della tecnologia, e si candida a essere front-runner e centro di competenza internazionale dell’intelligenza artificiale. Oggi è il primo passo per circoscrivere questo mondo enorme in opportunità di business, tenendo conto della nostra storia e delle nostre competenze. Insieme contribuiremo a definire un percorso condiviso, che applichi gli strumenti dell’intelligenza artificiale agli effetti del cambiamento climatico». Spiega Andrea Benveduti, assessore regionale allo Sviluppo economico riguardo all’incontro di co-progettazione dell’evento che si terrà a Genova in autunno.

«La visione alta – precisa Benveduti – è quella di fare della nostra regione, che ha mostrato negli ultimi anni una forte capacità di resilienza a eventi importanti, un luogo di promozione a iniziative concrete di imprenditorialità, rafforzando e favorendo le sinergie tra pubblico e privato».

Dopo il successo della precedente edizione, che ha accolto oltre mille visitatori per più di 40 sessioni tra speech, convegni, workshop e demo, l’edizione C1A0 Expo2020 si conferma faro di uno sviluppo economico volto alla creazione di competenze di alto profilo, legate alle nuove tecnologie, alla capacità di attrarre e coinvolgere forze giovani e sviluppare specifici percorsi formativi.

La focalizzazione di C1A0 Expo2020 su Artificial Intelligence & Climate Change avrà particolare attenzione ad aree di business come l’agritech, i trasporti e la logistica, l’insurtech, la fintech e la predittività per la protezione del territorio e delle infrastrutture.

Tra gli enti che collaboreranno all’iniziativa, promossa da Regione Liguria, figurano Liguria Digitale e Liguria International, con il supporto di un comitato per i contenuti coordinato da Marco Bressani.

«L’intelligenza artificiale – assicura Paolo Piccini, amministratore unico di Liguria Digitale – pervaderà quasi tutti i campi a noi noti. Le opportunità sono molteplici: Genova in particolare, ma la Liguria in generale, ha un numero elevato di aziende piccole o grandi che si occupano di alta tecnologia applicata al mondo dell’intelligenza artificiale».

Per Bressani: «l’intelligenza artificiale è una competenza trasversale che riguarda qualunque tipo di settore. Qualunque professione deve porsi il problema di come l’intelligenza artificiale possa cambiare il proprio mercato, e quindi farsi carico di immaginare come possa cambiare il proprio sistema organizzativo e le proprie competenze per iniziare a competere. Viceversa, la velocità con cui questa trasformazione industriale si sta sviluppando, rischia di portare fuori dal mercato più soggetti senza quasi se ne rendano conto».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.