Oggi e domani 15 gennaiola  Regione Liguria sarà all’Institut de Ciències del Mar (Csic) di Barcellona per il kick –off meeting del progetto Mpa Engage, finanziato per 3 milioni di euro dal programma Interreg Med. Ad annunciarlo è l’assessore regionale ai Parchi e biodiversità, Stefano Mai.

«L’obiettivo principale del progetto Mpa Engage – spiega Mai – è quello di gestire in maniera strategica le aree marine protette. In questo modo saranno attuati interventi per l’adattamento delle specie locali ai cambiamenti climatici e anche per mitigarne gli effetti nel Mar Mediterraneo. Attraverso un approccio socio-ecologico  Mpa Engage svilupperà dei piani d’azione di adattamento ai cambiamenti climatici in 7 aree marine protette sparse in 5 paesi del Mediterraneo. Per la Liguria interverremo nell’area marina protetta di Portofino con 380 mila euro e a seguire coinvolgeremo le altre aree marine della Liguria».

Il progetto Mpa Engage sarà guidato dall’Institut de Ciències del Mar del Consiglio di ricerca spagnolo (Csic) e coinvolge il dipartimento del Territorio e la sostenibilità della Generalitat de Catalunya, il governo della Regione Ligure, gli istituti di ricerca (Stazione Zoologica Anton Dohrn,  Politecnico delle Marche e Future Oceans Lab / Universidade de Vigo), gli organi di gestione di 7 aree marine protette (Catalogna, Francia, Italia, Croazia, Albania e Grecia), due organizzazioni non governative – Pescatori a basso impatto d’Europa e Mio- Ecdse: la fondazione della rete di allerta per le immersioni.

«Tra gli attori coinvolti – precisa Mai – ci saranno gli amatori del diving e i pescatori sportivi, gli istituti di ricerca e le istituzioni locali. Attivando questo confronto identificheremo le migliori pratiche da mettere in campo a livello europeo».

Mpa Engage svilupperà le seguenti attività nei prossimi 3 anni (novembre 2019-giugno 2022):

Coinvolgere le comunità locali, i pescatori e i ricercatori per monitorare gli impatti dei cambiamenti climatici;
Potenziare il ruolo delle aree marine protette per trovare soluzioni naturali per l’adattamento ai cambiamenti climatici;
Promuovere un dialogo sulla gestione delle aree marine protette.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.