Le Borse europee concludono la settimana in rialzo, rassicurate dall’Oms

La chiusura dei mercati finanziari

Tutte in rialzo le Borse europee dopo le rassicurazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sul coronavirus. Francoforte segna +1,41%, Londra +1%, Parigi +0,88%. Milano ha terminato le contrattazioni con Ftse Italia All Share a 26.115,61 punti (+1,01%) e Ftse Mib a 23.969,13 punti (+1,11%).

Poco variato lo spread Btp/Bund, rimasto a 159 punti base (variazione -0,63%, rendimento Btp 10 anni +1,22%, rendimento Bund 10 anni -0,37%) da 160 pb della chiusura precedente.

A Piazza Affari i maggiori rialzi sul Mib sono di Hera (+3,21%), Atlantia (+3,19%) sulle voci di un possibile scorporo di Autostrade, Poste Italiane (+3,17%) nel giorno in cui a Londra è stato presentato il piano strategico del gruppo e Prysmian. Buon risultato anche di Leonardo in seguito ai contratti stipulati dall’Esercito  nell’ambito del piano di ammodernamento. Maglia nera del listino è stata Pirelli (-2,5%), dopo l’allarme lanciato sui conti del 2020 dalla concorrente finlandese, Nokian Tyres.

Sul Forex l’euro si è indebolito nei confronti del dollaro a 1,1026 dollari (ieri a 1,1091 ieri). La moneta unica vale inoltre 120,60 yen (121,5), mentre il dollaro/yen è pari a 109,36 (109,546 in avvio).

Ancora in forte ribasso il valore del petrolio, a causa dei timori di una recessione innescata dal virus cinese che porterebbe l’offerta del 2020 a superare la domanda. Il Wti, contratto con consegna a marzo, scende del 2,9% a 53,99 dollari.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here