Nelle prossime settimane alla Spezia prenderà il via il programma di piantumazione, con la messa a dimora di 218 alberi. Ad annunciarlo l’assessore al verde pubblico Luca Piaggi.

«218 nuovi alberi – dichiara Piaggi – andranno a sostituire le essenze che nel corso di questi anni sono andate perse per un naturale deperimento fisiologico e in particolare alcune instabili che creavano gravi problemi relativi alla sicurezza pubblica. L’ambiente urbano risulta spesso ostile per la vita delle piante: il riscaldamento, l’inquinamento,  l’impermeabilizzazione delle superfici e il compattamento del terreno non favoriscono il loro sviluppo. A questo si aggiungono fattori naturali quali funghi, parassiti, che in molti casi  hanno compromesso la stabilità di alcune alberature e per le quali si è dovuto procedere all’abbattimento. Poi si devono aggiungere le violente perturbazioni degli ultimi anni che hanno, soprattutto nei giardini storici, causato il cedimento di alcuni alberi importanti».

Per questo motivo l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Pierluigi Peracchini, ha deciso di integrare e incrementare la presenza di alberi in diverse zone della città con particolare attenzione proprio ai giardini storici senza però trascurare vie e viali mantenendo, dove possibile, le specie preesistenti e sostituendo quelle più delicate con piante più resistenti per assicurare la riuscita dell’impianto.

«Abbiamo fin da subito posto molta attenzione al verde urbano – commenta Peracchini – questo non solo per un fattore estetico: una città che ha aiuole, parchi e aree verdi ben tenute è sicuramente una città più bella, ma anche per una questione ambientale. Le piante contribuiscono a una qualità migliore dell’aria, trattengo le polveri sottili e ridonano ossigeno. Grazie all’assessore Luca Piaggi abbiamo messo a punto un accordo quadro sul verde pubblico che ci consente una manutenzione più puntuale. Oggi siamo in grado di sostituire le piante andate perse in questi anni e piantumarne nuove. Grazie a questa operazione metteremo a dimora 218 nuovi alberi oltre che contribuire a una riqualificazione dei giardini storici che saranno abbelliti con 1175 piante di bosso, arbusti da siepe, 283 rose e 130 arbusti di varie specie».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.