Avvio leggermente negativo per la Borsa di Milano: il primo indice Ftse Mib segna una perdita dello 0,11%. Tra i titoli in calo Salvatore Ferragamo (-1,6%), Ubi Banca (-1,6%) e Bper Banca (-1,08%). In rialzo Azimut Holding (+1,13%).

Mercati europei senza una direzione precisa: Londra ha aperto in marginale rialzo dello 0,02%, Parigi in aumento dello 0,03% e Francoforte in calo dello 0,09%.

Nei mercati asiatici Tokyo ha concluso con un ribasso dello 0,45%.  Si attende la firma del primo passo per l’accordo sui dazi commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Quotazioni del petrolio in leggero calo alla luce dei dati di un incremento delle scorte Usa. I contratti sul greggio Wti con consegna a febbraio cedono 15 centesimi a 58,08 dollari al barile. In calo anche il Brent (-0,2%) a 64,34 dollari.

Nei cambi euro poco mosso nei primi scambi della mattinata. La moneta unica passa di mano a 1,1130 dollari (come ieri sera di Wall Street). Nei confronti dello yen l’euro è in lieve calo a quota 122,36 yen.

In forte calo subito dopo l’apertura, lo spread tra Btp decennale italiano e il corrispondente bund tedesco, che scende a 145 punti base (-9,51%). Il rendimento è a +1,36%.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.