«Questa piattaforma, che certamente è una delle più moderne del Mediterraneo, arricchisce la piattaforma logistica della Liguria e ci porta molti posti di lavoro nuovi. Ora c’è da lavorare tanto dal punto di vista delle infrastrutture terrestri per recuperare sia i danni del recente passato sia quelli del lontano passato per le infrastrutture che ancora non abbiamo fatto». Lo ha detto il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, questa mattina nel corso dell’inaugurazione del Terminal Apm/Maersk di Vado Ligure.

«Qua il privato ha lavorato bene e in fretta in sinergia con le istituzioni locali. Ora però – ha avvertito Toti – serve una scossa dal governo perché ci aspettiamo che questa piattaforma logistica abbia tutti i collegamenti terrestri funzionali che a oggi non lo sono. La Liguria sta crescendo in termini di merci, crociere, autostrade del mare e traghetti, tutte cose che sono non solamente una richezza per la regione ma anche una necessità per la seconda potenza manifatturiera del continente europeo. Siamo molto in ritardo su quello che riguarda le infrastrutture a terra, abbiamo bisogno di Gronda, raddoppio ferroviario del Ponente, Terzo Valico, passante di genova, scalo nuovo di Savona. L’attuale governo mi pare non abbia colto fino in fondo ancora le nostre necessità, stiamo ancora cercando di capire come verranno risarciti le somme urgenze e i danni da maltempo».

Toti ha inoltre ricordato che per l’operatività del terminal si è realizzata «una sinergia importante tra il mondo delle imprese e la Regione Liguria anche sul versante della formazione professionale. La Regione qui è intervenuta formando almeno un ottantina di lavoratori alle gru di piazzale che lavoreranno in questa piattaforma».

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.