«Serviremo di più e meglio il Nord Italia e speriamo di intercettare anche qualche quota di mercato che va in Nord Europa, con un terminal come questo si può provare a farlo». Lo ha dichiarato il presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Occidentale, Paolo Emilio Signorini, questa mattina a Vado Ligure, a margine dell’inaugurazione del Terminal “Vado Gateway” di Apm/Maersk .

«Dobbiamo stare coi piedi per terra, però – ha avvertito Signorini – e migliorare anche l’accessibilità lato terra. Credo che la sfida possa essere vinta. E vedo la possibilità di servire quote di traffico in espansione più che sottrarre quote di mercato ad altri porti».

Secondo il presidente dell’Autorità portuale «non c’è un problema di sottrazione di traffici ad altri porti italiani perché ogni porto italiano ha un suo bacino, un suo mercato di riferimento che ha convenienze di costo difficilmente superabili. La speranza di tutti in Italia è che il paese cresca, se l’Italia cresce , cresce anche il Nord Ovest, e c’è bisogno di strutture come questa. Il punto è portare le merci in pianura Padana».

Restano ancora difficoltà da superare. «Noi abbiamo avuto nelle settimane scorse un deterioramento dell’accessibilità dovuto alle condizioni di alcune autostrade, e   dobbiamo utilizzare questa difficoltà come uno stimolo, perché il problema nell’attesa di nuove infrastrutture è gestire meglio quelle che abbiamo, per esempio essere più veloci nel dare comunicazioni agli operatori sulle chiusure per cantieri, per allerte meteo, per frane o calamità naturali, magari prevedere un’apertura anticipata dei terminal e quindi e lavorare di più la notte. Su tutto questo dobbiamo migliorare».

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.