Contrastare i fenomeni di criminalità in un settore delicato come quello delle autorizzazioni per il trasporto, l’intermediazione dei rifiuti e le bonifiche, e favorire la circolazione delle informazioni a supporto delle attività di pianificazione del territorio: questi gli obiettivi del protocollo d’intesa per il controllo e la pianificazione nella gestione dei rifiuti, firmato da dieci diverse amministrazioni e presentato oggi, alla Camera di Commercio di Genova, dal presidente dell’Albo nazionale gestori ambientali Eugenio Onori e dal presidente della Camera di Commercio di Genova Luigi Attanasio.

«Grazie a questa intesa – commenta il presidente della Camera di Commercio Luigi Attanasio – mettiamo a disposizione degli inquirenti e delle altre istituzioni un’enorme mole di dati su oltre 7.000 imprese e 30.000 veicoli autorizzati in Liguria. E lo facciamo grazie ad un prodotto informatico che ne facilita l’utilizzo e a un’applicazione che consentirà di compiere i primi accertamenti anche via smartphone».

L’applicazione “Fda Smart” (Fda sta per fruibilità dati ambientali) consentirà agli agenti dislocati sul territorio di accedere alle informazioni dell’albo gestori semplicemente inquadrando con il telefonino la targa del veicolo, velocizzando i controlli e rendendo più efficiente il lavoro d’indagine.

Presenti, nella sala del Bergamasco di via Garibaldi 4, tutti i firmatari del protocollo: Albo nazionale dei gestori ambientali, sezione regionale Albo gestori ambientali, Camera di Commercio di Genova, Procura della Repubblica di Genova, Regione Liguria, Arpal, nucleo operativo ecologico dei carabinieri, comando regionale carabinieri forestale Liguria, comando polizia locale di Genova – nucleo tutela ambientale e Città Metropolitana di Genova.

«Un ulteriore passo avanti nella tutela della legalità – evidenzia Attanasio – elemento imprescindibile per consentire alle imprese di competere in modo corretto. Ma anche uno strumento utile per la programmazione, in una regione fragile e martoriata come la nostra il cui territorio e le cui infrastrutture hanno oggi più che mai bisogno di attenzione e di cura da parte di tutte le amministrazioni».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.