«La vicenda della radioterapia del San Martino è la dimostrazione lampante del disastro della sanità ligure». È quanto affermano in un comunicato congiunto i gruppi in consiglio regionale di Pd, Linea Condivisa e Italia Viva.

«Nell’ospedale di riferimento della nostra regione – si legge nella nota dei tre gruppi – dove l’Oncologia ha sempre rappresentato un’eccellenza nazionale, su tre acceleratori lineari per la radioterapia due sono guasti e l’unico che funziona è stata acquistato nel 2015 dalla Giunta precedente. Anche l’apparecchio per la tomoterapia è vicino al capolinea, visto che ha più di 10 anni (il limite massimo per questo tipo di macchine). In 4 anni e mezzo la Giunta Toti è stata solo in grado di avviare gare che non sono ancora concluse per sostituire due macchinari su quattro. Ma questi nuovi innesti non arriveranno prima di alcuni mesi. Bisognerà aspettare ancora, quindi, e non avremo comunque la sostituzione dell’intero parco macchine del San Martino, con il rischio di tornare nel girone infernale entro breve».

Secondo Pd, Linea condivisa e Italia viva «La responsabilità politica è di Toti in qualità di Presidente della Regione e di assessore al Bilancio, che invece di stanziare i soldi per svecchiare il parco macchine della Sanità ha speso, per 4 anni e mezzo, un milione e mezzo di euro all’anno per la comunicazione. Inoltre si è guardato bene dall’utilizzare il Fondo strategico per tecnologie e investimenti sulla sanità, nonostante il comparto sanitario rappresenti i due terzi del bilancio regionale. Alisa era stata annunciata dalla Giunta ligure come punto di forza del sistema sanitario della nostra regione, ma è diventata subito l’emblema del suo fallimento, tra liste di attesa sempre più lunghe, fughe quasi raddoppiate e il mancato pareggio di bilancio, nonostante le promesse di Toti a inizio ciclo amministrativo. Il commissario straordinario di Alisa Locatelli ha ammesso, di fatto, la propria impotenza di fronte al caos della radioterapia del San Martino».

«A questo punto – viene annunciato nella nota – chiederemo nella sessione di bilancio la cancellazione di Alisa e le dimissioni di Locatelli. Chiederemo poi che le risorse risparmiate dall’abolizione di questa Azienda, al netto del personale, vengano reinvestite in azioni per accorciare i tempi di attesa e per ridurre le fughe. Solleciteremo il Ministero a inviare degli ispettori per accertare le responsabilità puntuali della situazione indegna della radioterapia del San Martino».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.