Italiana Coke ha firmato nei giorni scorsi il contratto di mutuo previsto dal programma del ministero dello Sviluppo economico, concesso all’azienda per gli importanti lavori di adeguamento ambientale conclusi nel 2013.

Il finanziamento è composto da un prestito agevolato di Cassa Depositi e Prestiti e Banca Intesa per complessivi 15 milioni di euro – oggetto dell’atto siglato lo scorso 17 dicembre – cui si aggiungeranno 1,7 milioni di euro di finanziamento a fondo perduto a carico del Mise stesso. I tempi di erogazione del prestito, previsto in più tranche, dipendono dalle complesse procedure che il soggetto agente del ministero, Ubi Banca, è tenuto ad attuare.

«È un ulteriore passo, fondamentale per la normalizzazione della situazione di Italiana Coke – commenta Paolo Cervetti, a.d. del gruppo – e la conferma esplicita che, seppure talvolta in ritardo sulla stringente tabella di marcia impostaci, stiamo facendo tutto quanto previsto: abbiamo chiesto ancora una volta che il Mise e gli istituti bancari coinvolti accelerino i tempi per avere la piena disponibilità dei fondi contrattualizzati, così da iniziare i riparti ai creditori chirografari, visto che i privilegiati sono stati completamente pagati e per poterci dedicare a tempo pieno alle attività commerciali, in particolare in Usa, dato il delicato periodo che l’economia europea tutta sta attraversando».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.