Le Borse europee chiudono in moderato rialzo una giornata poco mossa, con gli investitori che attendono le prossime decisioni della Fed e della Bce.

Francoforte segna +0,58%, Parigi +0,22%, Londra +0,03% in attesa delle elezioni di domani, considerate un test sull’orientamento dell’elettorato circa la Brexit. Milano ha chiuso con Ftse Italia All Share a 25.322,14 punti (+0,13%) e Ftse Mib a 23.155,64 punti (+0,14%). Fermo su 154 punti base lo spread Btp/Bund (variazione -0,10%, rendimento Btp 10 anni +1,21%, rendimento Bund 10 anni -0,32%).

A Piazza Affari spicca il crollo di Safilo (-25%) causato dal nuovo piano industriale, che prevede tagli per 700 dipendenti, con costi di ristrutturazione per 45 milioni di euro, minori investimenti e una riduzione delle previsioni sui ricavi del 2020.

Sul Forex l’euro passa di mano a 1,1094 dollari (1,108 in avvio e 1,1095 ieri in chiusura) e a 120,537 yen (120,5 e 120,61), con il dollaro che vale 108,653 yen (108,72 e 108,71). Nell’imminenza delle elezioni la sterlina ha prima perso terreno e poi lo ha recuperato valendo 0,841 euro in chiusura dei mercati europei (0,845 in avvio).

In calo il prezzo del petrolio, che ha accentuato il ribasso dopo la pubblicazione dei dati sulle scorte Usa settimanali, salite a sorpresa. Il contratto consegna gennaio sul Wti perde l’1,25% a 58,5 dollari al barile, il contratto consegna febbraio sul Brent del Mare del Nord scende dell’1,46% a 63,4 dollari al barile.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.